Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 853
RAGUSA - 07/07/2015
Attualità - Istituito il bus navetta da piazza Italia ai Giardini iblei ma pochi ne conoscono l’esistenza

A Ibla mancano i parcheggi, difficoltà per turisti e residenti

La stagione turistica è cominciata sotto i migliori auspici ma bisogna progettare subito un parcheggio multipiano interrato Foto Corrierediragusa.it

Ibla si riscopre gettonata dai turisti in questa prima parte del periodo estivo ma deve fare i conti con problemi ancora irrisolti. Se gli albergatori e i ristoratori registrano un aumento delle presenze e il gradimento degli ospiti sono invece i residenti a far emergere alcune disfunzioni che dovrebbero essere risolte. A cominciare di una vasta area per il parcheggio che non esiste ancora oggi e obbliga chi arriva, ma anche chi risiede nel centro barocco, a lunghi giri e snervanti attese per trovare un posto libero. Se nel centro superiore ci sono ben tre parcheggi multipiano nulla è stato fatto per Ibla dove è emergenza parcheggi. Dice un commerciante del centro barocco: "Non spetta a noi trovare una soluzione. Abbiamo, più volte, sollecitato i nostri rappresentanti e l’amministrazione comunale a trovare una soluzione ottimale che tenga in debita considerazione le esigenze di tutti. I posti auto sono assolutamente insufficienti anche per i residenti".

Lamentele anche per il servizio dei bus navetta che è stato avviato a cura di una cooperativa. Sono stati messi a disposizione due mezzi per collegare il centro superiore con quello barocco al costo di un euro a tratta, dal lunedì alla domenica, dalle 18 fino all’una di notte, con capolinea in piazza San Giovanni e ai giardini Iblei. Non si è ancora pensato, tuttavia, a prevedere la segnaletica turistica e un piano di comunicazione per sensibilizzare i cittadini ad utilizzare i mezzi pubblici per raggiungere Ibla. Un servizio finora per pochi ma utilissimo soprattutto alla luce della mancanza di parcheggi lamentata.