Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 656
RAGUSA - 27/06/2015
Attualità - Restano solo le sedi di Ragusa, Modica e Vittoria

I Centri per l´Impiego chiudono, negli Iblei solo 3

L’adozione di avanzati sistemi informatici consente di eliminare sedi ritenute periferiche ed evitano inutili affollamenti di utenti Foto Corrierediragusa.it

Solo tre centri per l´Impiego resteranno attivi nel territorio ibleo. I cosiddetti "Recapiti periodici" di Comiso, Chiaramonte Gulfi, Monterosso Almo, Giarratana, Frigintini, Ispica, Scicli e Pozzallo saranno chiusi a partire dal primo luglio mentre funzioneranno solo le sedi di Ragusa, Modica e Vittoria. La chiusura riguarda dunque quegli uffici una volta conosciuti come uffici di collocamento che nei comuni interessati dalla chiusura hanno continuato ad assicurare le attività relative ai Servizi per l’Impiego, grazie a singole convenzioni stipulate tra i Servizi Uffici Provinciali del Lavoro ed i Comuni . Grazie all´attivazione dei nuovi servizi informatici su espressa indicazione dei vertici del Dipartimento Regionale al Lavoro, è stata posta fine ad una situazione che ormai era diventata anomala.

L´adozione di avanzati sistemi informatici consente di eliminare sedi ritenute periferiche ed evitano inutili affollamenti di utenti nei Centri per l’Impiego, la cui attività è sempre più indirizzata verso le politiche attive del lavoro in tutte le loro accezioni, tramite, ad esempio, il dispositivo «Garanzia Giovani», il Contratto di Ricollocazione, il progetto di Inclusione Sociale. I Centri per l’Impiego di Ragusa, Modica e Vittoria saranno dunque le uniche sedi riconosciute e messe in rete, in cui si dovrà procedere immediatamente ad una efficiente ed efficace riorganizzazione del personale, per il quale l’Amministrazione Centrale Regionale investirà notevoli risorse nella formazione e riqualificazione.