Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 696
RAGUSA - 26/06/2015
Attualità - Campagna informativa di Polizia, Confartigianato e Comune

Estate tempo di truffe agli anziani: ecco come difendersi

Distribuito un vademecum antitruffa e un sintetico dépliant a scopo divulgativo ed informativo Foto Corrierediragusa.it

Anziani nel mirino ma a finire nelle rete dei truffatori ci sono anche vittime insospettabili. L´estate è la stagione dell´anno più favorevole per raggirare e truffare sia perchè l´atmosfera vacanziera allenta l´attenzione sia perchè molti anziani restano soli. La Polizia ha dunque lanciato insieme a Confartigianato e Comune una campagna dal tema significativo, "Stop alle truffe". Presso la sala del Centro anziani a Villa Pax è stato proiettato un video dove vengono rappresentate tutte le varie tecniche dei truffatori seriali che, con tecniche elaborate, facendo leva sulla buona fede o sui sentimenti, presentano situazioni potenzialmente credibili, in modo tale da ingannare le vittime, al fine di impossessarsi di soldi o preziosi. Si va dal falso incidente stradale, alla falsa benedizione a casa, o dai falsi rappresentanti dell’Inps che devono effettuare dei rimborsi al falso amico del figlio che chiede il pagamento di un suo debito inesistente. E’ stato spiegato come l’abilità dei truffatori è quella di guadagnarsi prima la fiducia delle vittime, ottenuta la quale riescono ad entrare nelle case per depredarle, ovvero quella di toccare alcune leve psicologiche, come la falsa conoscenza di familiari, grazie alla quale riescono ad estorcere somme di denaro.

Spesso si presentano per strada o a casa persone ben vestite che con modi affabili parlano agli anziani offrendo loro falsi gioielli o convincendoli che il proprio nipote è in difficoltà e ha bisogno di soldi. In tutti questi casi il consiglio del commissario capo dell´ufficio volanti Filiberto Fracchiolla è quello di non fidarsi di sconosciuti che per una scusa o l’altra chiedono soldi per strada oppure chiedono di entrare in casa, chiamando il 113 per segnalare immediatamente i fatti. Ai presenti è stato distribuito un vademecum antitruffa e un sintetico dépliant a scopo divulgativo ed informativo, al fine di fornire utili consigli per difendersi da specifici reati, tra cui la truffa.