Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 498
RAGUSA - 22/06/2015
Attualità - Interviene il responsabile Enrico La Rosa

"Santa Barbara e Punta di Mola dimenticate"

"Auspichiamo - dice La Rosa - che l’Amministrazione comunale si adoperi con determinazione per intervenire e offrire risposte concrete a questi cittadini" Foto Corrierediragusa.it

«Anche quest´anno la stagione estiva si avvicina e mentre ci si adopera per imbellettare Marina di Ragusa, un altro importante quartiere, quello di Santa Barbara (foto), anche quest’anno sembra essere stato dimenticato dall’Amministrazione comunale». A denunciarlo è Enrico La Rosa, responsabile FutureDem Ragusa. «È certamente importante – aggiunge – la scelta di riasfaltare alcune strade della zona, anche se resta da chiarire la qualità degli stessi lavori, ma i lavori della famosa pista ciclabile che doveva collegare il porto turistico di Marina a Punta di Mola, e che doveva essere ultimata entro giugno, non sono ancora iniziati, nonostante lo stesso onorevole Cancelleri la andasse paradossalmente a pubblicizzare, quando è stata annunciata, come esempio di buona amministrazione della città da parte del suo gruppo politico. L’assessore Corallo ha però detto che l’opera si concretizzerà, in via sperimentale, nei prossimi giorni. Staremo a vedere».

«Ma i problemi, purtroppo – continua La Rosa – non si fermano qui: spesso le aree verdi, così come le aiuole a ridosso delle strade, non sono curate: un esempio è la piazzetta di via Camogli dove l’erba e gli arbusti sono molto alti. Inoltre, anche la piccola spiaggia di Santa Barbara non è stata sistemata ma anzi si è creata una zona pericolosa e sporca, addirittura a rischio frana. A tal proposito, il 27 marzo scorso, l’Amministrazione aveva predisposto uno studio specialistico della costa proprio per evitare l’erosione della stessa. Sono stati fatti questi studi? Cosa hanno riscontrato? Quali le soluzioni? I problemi dunque non mancano ma giugno è già agli sgoccioli.

Auspichiamo - conclude La Rosa - che l’Amministrazione comunale si adoperi con determinazione per intervenire e offrire risposte concrete a questi cittadini che, ovviamente, pagano le tasse come tutti gli altri, ma che poi, ingiustamente, si ritrovano a dovere fare i conti con servizi di scarsa qualità».