Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1177
RAGUSA - 21/07/2008
Attualità - Ragusa - Interventi straordinari dopo l’invasione dell’insetto

A Marina di Ragusa zitti e...
mosca. Al via la disinfestazione

Ieri la prima. Si bissa lunedì prossimo Foto Corrierediragusa.it

Zitti e mosca! C’è una vera e propria emergenza mosche a Marina di Ragusa. Da qualche giorno infatti si registra un’invasione di questi insetti che sono piccoli ma particolarmente fastidiosi. Probabilmente sono frutto della concimazione delle serre che si trovano in buona parte della costa iblea ma cìè anche il problema dei rifiuti e delle piccole discariche abusive. Con la loro presenza però si rischia di mettere a repentaglio l’immagine delle località turistiche ragusane.

La lamentela viene da più parti e per arginare la presenza di queste mosche l’amministrazione comunale, su indicazione del sindaco Nello Di pasquale, ha predisposto un piano particolare. E’ l’assessore all’Ecologia, Giancarlo Migliorisi a comunicare i provvedimenti che sono stati assunti. «L’eccezionalità della stagione ? dice l’assessore Migliorisi ? ci ha indotto a programmare altre due disinfestazioni rispetto a quelle già fatte.

Dopo ieri, la disinfestazione sarà ripetuta lunedì prossimo. Siamo convinti che con queste operazioni il problema mosche a Marina di Ragusa dovrebbe essere risolto. Anche perché la ditta Busso ha eliminato tutte le microdiscariche presenti nel territorio». Anche le operazioni di disinfestazioni saranno effettuate dalla ditta Busso che ha il servizio di igiene ambientale in città.

L’assessore lancia un appello ai vacanzieri e non: «Da parte nostra stiamo facendo il possibile con interventi mirati quotidianamente. Ecco perchè invito la gente a rispettare le regole e a non abbandonare i rifiuti dove capita prima. Ci vuole un rispetto dell’ambiente ogni minuto altrimenti tutti gli sforzi risulteranno vani».