Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1061
RAGUSA - 16/06/2015
Attualità - Il colpo di fortuna di un ragusano

Ristruttura la casa e trova un "tesoretto"!

L’uomo si è rivolto ad Agitalia per far valere per riscuotere il denaro dallo Stato Foto Corrierediragusa.it

Una storia d´altri tempi e ...di altri soldi. Per un fortunato ragusano è cominciata la lotta con la burocrazia per farsi riconoscere quanto gli è dovuto dallo Stato. La sua storia comincia nel momento in cui decide di acquistare una casa a Ragusa e di ristrutturarla. Edificio in condizioni precarie che ha bisogno di essere ripulito di tutto. Tra detriti, scartoffie e mobili vari il neo proprietario si imbatte in due Bot del valore delle vecchie 5 mila lire. Sono stati emessi nel 1947 e soprattutto sono al portatore. Evidentemente chi gli ha ceduto la casa non ha avuto nè memoria nè l´accortezza di conservare i 2 titoli. L´uomo si rivolge così ad una agenzia specializzata, Agitalia, che tramite un consulente contabile accerta che il valore monetario attuale, tra interessi, rivalutazione e capitalizzazione, per tanti decenni di giacenza nelle casse dello Stato è pari a ben 85 mila euro.

Il ragusano ha deciso pertanto di conferire mandato all´ufficio ufficio legale dell´agenzia per agire al fine del recupero della somma presso la Banca d’Italia ed il Ministero delle Finanze obbligati in solido ad «onorare» tutti i debiti esistenti anche prima dell’avvento della Repubblica Italiana. La richiesta è ora al vaglio del Ministero dell’Economia ed a Bankitalia per il pagamento della somma. Tra ansia e certezze l´uomo attende ora una risposta definitiva di un caso che lo vede involontario protagonista.


ma chi paga?
17/06/2015 | 14.43.23
sasa

Prima di tutto non è un bot ( a quei tempi non c´era ancora e poi il bot ha una scadenza), se è quello che è in foto è nominativo, l´articolo dice che è al portatore. Oggi non esistono depositi che si rivalutano nel tempo ad oltranza. E tutti quei vecchi libretti con poche lire che un po tutti abbiamo e le banche ci dicono che non valgono niente... dove li mettiamo?