Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1028
RAGUSA - 15/06/2015
Attualità - L’uomo ha atteso la suora comisana all’uscita del convento milanese dove si trova

Suor Cristina nel mirino di uno stalker

L’uomo, S.C. 42 anni, ha madre siciliana Foto Corrierediragusa.it

"Vieni via con me". A cantarlo in faccia a suor Cristina (foto) non è stato Paolo Conte ma un cittadino belga che ha aspettato la suora "canterina" comisana all´uscita del convento milanese dove si trova. "Voglio conoscerti, sei il mio idolo, spogliati di tutto e scappa con me". L´uomo, S.C. 42 anni, belga ma con madre siciliana, ha prima seguito e tempestato di post la suora via Facebook tanto da essere denunciato per stalking alla polizia postale ed essere raggiunto da un provvedimento di allontanamento dall´Italia. S.C. si è giustificato "Volevo fare un selfie con lei" ma è stato invece arrestato. Tutto è cominciato quando S.C. si è invaghito di suor Cristina vedendola cantare a "The Voice of Italy" e la sua passione è diventata alla fine una ossessione un anno fa. Ha iniziato a scriverle ripetutamente su Facebook, con messaggi privati e sulla bacheca della sorella. Messaggi che hanno indotto la religiosa a denunciarlo. Il suo profilo è stato bloccato, quello di lei chiuso per un periodo. A dicembre scorso il 42enne ha deciso di tentare un’altra strada ed è venuto in Italia per conoscere la sua beniamina, ma è riuscito solo a farle una foto da lontano. Non si è dato per perso e ci ha riprovato partendo per Milano e aspettando suor Cristina fuori dal convento delle Orsoline della Sacra Famiglia dove vive. Faceva caldo. Lui era in canottiera, dopo essersi tolto il maglione che indossava.

Poi si sarebbe avvicinato alla suora per fare un selfie con lei, ma le sorelle che le erano accanto lo hanno riconosciuto e hanno chiamato le forze dell’ordine. È scattato l’arresto in flagranza, convalidato dal gip di Milano, ed è stato successivamente emesso il decreto di allontanamento dallo Stato, poi convalidato nel Centro di Identificazione ed Espulsione di Bari.