Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 417
RAGUSA - 09/06/2015
Attualità - Con 3.028 euro il capoluogo ibleo è al 74mo posto della classifica nazionale

A Ragusa crescono richieste mutui per acquisto auto

Diventa più difficile acquistare casa e accendere un mutuo ma si tenta almeno di acquistare un’auto per potersi muovere e lavorare Foto Corrierediragusa.it

Diminuiscono le richieste di mutui ma aumentano invece i prestiti finalizzati, soprattutto se riferiti al settore automobili. Perché nell’epoca della crisi, diventa difficile acquistare casa e accendere un mutuo ma si tenta almeno di acquistare un’auto per potersi muovere e lavorare. Risulta dall’analisi di Crif Solutions sugli importi medi erogati alle famiglie in Sicilia nel corso del 2014. In Sicilia, secondo queste statistiche, l’importo medio dei mutui ipotecari erogati si è assestato a 103.865 euro, inferiore alla media italiana e in flessione del - 7,4% rispetto alla precedente rilevazione.

Il primato assoluto spetta alla provincia di Palermo con 117.576 euro, che la colloca al 43° posto nel ranking nazionale, seguita da Messina, in 66ma posizione con 106.194 euro, e da Catania, con 104.603 euro (al 69° posto). Peraltro, tutte le province siciliane hanno fatto segnare una flessione rispetto all’anno precedente con le sole eccezioni di Messina e Caltanissetta che, in controtendenza, si sono caratterizzate rispettivamente per un incoraggiante +7,7% e +3,9%. Relativamente ai prestiti finalizzati, per i quali si segnala in particolare la ripresa dei finanziamenti erogati per l’acquisto di auto, nell’isola l’importo medio è stato pari a 3.028 euro, in lieve crescita del +0,3% rispetto all’anno precedente.

Tra le province siciliane, è Ragusa ad aver fatto registrare l’importo medio erogato più elevato, con 3.028 euro, che la pone al 74mo posto nella classifica nazionale, nonostante una leggera flessione del -0,8% rispetto al 2013. All’estremo opposto della classifica, invece, la provincia di Trapani è quella che ha fatto segnare l’importo medio più contenuto con 2.734 euro, dato che la colloca in ultima posizione nel ranking nazionale. Anche la provincia di Palermo ha fatto registrare un importo medio estremamente modesto, pari a 2.814 euro, che la pone in penultima posizione a livello nazionale.