Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1500
RAGUSA - 08/06/2015
Attualità - Lo ha reso noto il presidente dell’organismo Cesare Borrometi

Debito Modica per università: adite le vie legali

E’ la somma che deve essere pagata per gli anni di funzionamento della scuola di Servizio Sociale "Stagno D’Alcontres" che ha sede in via Crispi Foto Corrierediragusa.it

Il Consorzio Universitario Ibleo (Cui) vuole mezzo milione dal comune di Modica. E´ la somma che deve essere pagata per gli anni di funzionamento della scuola di Servizio Sociale "Stagno D´Alcontres" che ha sede in via Crispi. Il debito non onorato da Modica è emerso nel corso dell´assemblea tenutasi nell´aula magna dell´Università ad Ibla convocata dal presidente del Cui, Cesare Borrometi (foto), per parlare dello stato di crisi delle finanze del Consorzio. Il presidente del Consiglio comunale di Ragusa, Giovanni Iacono, è stato netto nel suo intervento: "Il corso di laurea in Scienze Sociali di Modica non può continuare ad essere sostenuto dal Consorzio Universitario che significa, stante l’assenza dell’ex Provincia, solo il Comune. Le «cambiali» sono scadute e non vengono pagate a parole. Bisogna tener contro degli impegni economici del Comune di Modica maturati fino ad oggi ma non onorati e per cui il presidente del Cui avrà attivato tutte le azioni utili tese al recupero". Proprio il presidente Borrometi ha confermato che in assenza del pagamento del costo di funzionamento del corso, 150 mila euro l´anno, la sede di Modica sarà chiusa e trasferita nel capoluogo. Per quanto riguarda l´arretrato, circa 500 mila euro, Cesare Borrometi ha già avviato un´azione legale per il recupero del credito vantato.

Al di là dei soldi dovuti da Modica lo stato delle casse del Cui è molto critico perchè per il futuro verranno a mancare le risorse assicurate dalla ex Provincia che si è tirata fuori dal Consorzio pur se ha onorato finora la rata da 178 mila euro garantita per il funzionamento della facoltà di lingue. La speranza resta dunque nella Regione che per bocca dell´assessore Lo Bello si è detta disponibile a trasferire circa mezzo milione di euro. In attesa di sviluppi la situazione resta molto fluida ed incerta come ha rilevato il preside della Facoltà di lingue Nunzio Zago che ha chiesto certezze per le famiglie, per gli studenti e per lo steso corpo docente.


Come mai?
08/06/2015 | 18.30.23
Piero

Come mai il Sindaco di Modica, Ignazio Abbate, non ha pagato questo debito dato che ha ricevuto, grazie all´Amministrazione Buscema, la somma di 40 milioni (diconsi quarantamilionidieuro) per pagare i debiti regressi? Se la responsabilità è di questa amministrazione e di questo sindaco, paghino loro il debito incluse le spese legali e gli interessi!