Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1065
RAGUSA - 31/05/2015
Attualità - Alle 18.30 solenne concelebrazione al Duomo e poi processione per il quartiere barocco

Festa di popolo per il patrono S. Giorgio, oggi gran finale

Ieri "visita" del santo cavaliere in Ospedale, in Prefettura e alla Caserma Podgora con processione in via Roma Foto Corrierediragusa.it

Una grande festa di popolo. Capace di attraversare in lungo e in largo tutta la città di Ragusa. Il glorioso patrono San Giorgio martire è riuscito a catalizzare l’attenzione dei fedeli. La presenza del simulacro nel centro storico superiore si è rivelata una occasione speciale per un incontro con il santo cavaliere da parte di tutti coloro che hanno scelto di accompagnarlo lungo la processione che, partita nel tardo pomeriggio dalla chiesa di San Francesco d’Assisi in piazza Cappuccini, guidata dal parroco del Duomo, don Pietro Floridia, si è conclusa a Ibla.

Durante il percorso la processione (nella foto: il passaggio in via Roma) è stata caratterizzata da una straordinaria cornice di persone. In mezzo una serie di tappe ricche di significato. A cominciare da quella tenutasi in piazza Caduti di Nassirya, di fronte all’ospedale Civile, fortemente voluta dall’Ufficio diocesano per la Pastorale della salute. Prima, il santo cavaliere ha reso omaggio ai militari dell’Arma di stanza nella caserma Podgora, il comando provinciale. In piazza è stata letta la preghiera del carabiniere alla presenza del comandante provinciale, Sigismondo Fragassi, che subito dopo, su invito del direttore della Pastorale della salute, don Giorgio Occhipinti, ha liberato alcuni palloni rossi e bianchi, i colori del santo cavaliere, alcuni dei quali a forma di croce. Subito dopo il santo cavaliere è stato portato proprio di fronte alle finestre dei reparti del nosocomio. Con i malati e i loro familiari affacciati dalle finestre, don Occhipinti ha letto una speciale preghiera, quella della giornata diocesana del sollievo, per fornire conforto a chi soffre. Quindi la processione è proseguita e ha attraversato la via Roma. Straordinario il numero dei presenti.

Il simulacro è transitato dinanzi alla Cattedrale, dove nel frattempo era stato dato vita a uno scampanio festosto, per poi proseguire lungo corso Mazzini ed arrivare in piazza della Repubblica. Qui, a fronte di un altro bagno di folla, il simulacro è stato portato su per le ripide scale della chiesa Anime Sante del Purgatorio. Recuperata l’Arca Santa, i due simulacri sono ripartiti alla volta del Duomo non prima, però, di attraversare le zone più significative di Ibla che, nel frattempo, è risultata gremita di visitatori e turisti. Prima dell’ingresso al Duomo, uno spettacolo pirotecnico ha salutato l’arrivo dei due simulacri. Nel corso della serata, poi, da segnalare lo straordinario concerto di Amedeo Minghi che ha riscosso il consenso del pubblico.

Questo il programma di oggi:

Alle 18,30 ci sarà la solenne concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo della diocesi di Ragusa, mons. Paolo Urso, e animata dalla Schola cantorum parrocchiale diretta dal maestro Marco Scalone, all’organo il maestro Salvatore Guarrella. Parteciperanno le autorità civili e militari provinciali e alcuni sindaci aderenti all’associazione «San Giorgio e i suoi comuni». A partire dalle 19,30 la solenne processione con il simulacro di San Giorgio e l’Arca Santa. Questo l’itinerario: piazza Duomo, via Conte Cabrera, Largo Camerina, via Orfanatrofio, via Delle Suore, via Ten. La Rocca, via Giardino, piazza G.B. Hodierna, corso XXV Aprile, piazza Pola, corso XXV Aprile, piazza Duomo, via Cap. Bocchieri, via Tenente Distefano, via XI Febbraio, via del Mercato, piazza Repubblica, sino alla Chiesa Anime Sante del Purgatorio. Qui si celebreranno solennemente i Vespri. Quindi la processione proseguirà da piazza Repubblica, via del Mercato, via Orfanatrofio, piazza Pola, corso XXV Aprile, piazza Duomo sino al rientro nella Chiesa Madre di San Giorgio. Da segnalare, inoltre, che oggi, alle 17,45, ci sarà la sfilata della fanfara del 12esimo battaglione carabinieri Sicilia di Palermo dal Giardino ibleo a piazza Duomo. Alle 19,30 l’illuminazione artistica del Duomo mentre alle 21, in piazza Duomo, la kermesse «Aspettando San Giorgio» con l’esibizione della fanfara dei carabinieri a cura dell’associazione portatori. Al termine della processione gran finale artistico e fantasmagorico con mapping 3D del duomo di San Giorgio a cura della ditta «Promo service» e spettacolo piromusicale.