Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1527
RAGUSA - 30/05/2015
Attualità - In tutto il territorio ibleo mancano all’appello dieci milioni

Pagamenti Regione in ritardo, Commerfidi protesta

I vertici dell’associazione hanno annunciato una marcia su Palermo se entro il 10 giugno la situazione non si sbloccherà Foto Corrierediragusa.it

Dieci milioni di euro che mancano all´appello e potrebbero essere una bella boccata d´ossigeno per imprese ed aziende. La somma è quella dovuta dalla Regione a saldo dei contributi per gli interessi che sono stati erogati dalle cooperative di garanzia fidi operanti nel territorio ibleo. Il presidente di Commerfidi Sicilia, Salvatore Guastella, ha lanciato l´appello per l´organizzazione da lui presieduta che deve avere due milioni 300 mila euro per quattro annualità, dal 2009 al 2012. I rappresentanti del sistema Confcommercio ibleo, il presidente provinciale dell’associazione di categoria, Sergio Magro, il direttore Emanuele Brugaletta hanno rivolto un appello per la situazione si sblocchi ed hanno annunciato una marcia su Palermo se entro il 10 giugno la situazione non si sbloccherà.

In sede di conferenza stampa è stato chiarito che, in virtù dell’intervento finanziario dell’assessorato regionale dell’Economia, stanno pervenendo i contributi in conto interessi per le operazioni finanziarie comprese tra il settembre 2009 e il 31 dicembre 2012 e in essere al 30 settembre 2013. Gli importi relativi a questi contributi corrispondono al totale richiesto dalla cooperativa per le annualità 2009, 2010, 2011 e al 31,38% di quanto richiesto per l’annualità 2012. La percentuale relativa a quest’ultimo esercizio è però da intendersi concessa a titolo di saldo e di non di acconto.

«Le imprese interessate per quanto riguarda Commerfidi – ha sottolineato Salvatore Guastella – sono circa 900 per un totale contributo da erogare di 2 milioni 300 mila euro. Le istanze sono state presentate dal mese di marzo al mese di agosto del 2014. Si attendeva la liquidazione entro il mese di dicembre dello stesso anno ma i decreti assessoriali di liquidazione sono stati emessi e pubblicati in Gazzetta soltanto il 17 aprile scorso e sono stati notificati alla nostra cooperativa il 12 maggio scorso. Dalla chiusura dei bandi di presentazione delle istanze e fino alla fine del mese di marzo 2015, il competente assessorato ha proceduto ad effettuare controlli sulla sussistenza o meno dei requisiti da parte delle aziende richiedenti il contributo. Le complicazioni di carattere burocratico rischiano di rendere tutto meno liscio e la cooperativa dovrà rendicontare quanto liquidato agli aventi diritto entro altri trenta giorni, cioè in piena estate».

(nella foto da sinistra a destra: Nicastro, Prelati, Brugaletta, Manenti, Magro, Guastella, Buscemi, Azzarelli, Traina)