Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 736
RAGUSA - 30/05/2015
Attualità - Il Laboratorio 2.0 ha sposato la causa dei residenti elaborando una piattaforma di richieste

Passo Marinaro e Branco Piccolo chiedono attenzione

I residenti nelle due contrade si sono costituiti in associazione per far valere i loro diritti Foto Corrierediragusa.it

I residenti a Passo Marinaro e Branco Piccolo si sono costituiti in associazione. Le due contrade versano in uno stato di abbandono nonostante siano visitate in estate da numerosi turisti per le attrattive naturalistiche. I residenti lamentano incuria e degrado anche se le circa 100 famiglie sopperiscono di propria iniziativa a rendere più decoroso le due contrade.

Dice il presidente della neo costituita associazione, Tony Battaglia: "Noi non siamo abusivi, come qualcuno vuol far credere. Noi chiediamo pochi interventi, che vanno a beneficio di tutti, cittadini e turisti. La creazione del senso unico, per esempio, oltre a migliorare la viabilità della zona, garantirebbe una maggiore sicurezza. La strada in questione, infatti, è larga appena tre metri e visto che, in estate, le macchine vengono parcheggiate sia a destra che a sinistra, un’autoambulanza avrebbe difficoltà a passare, quella via è sempre congestionata. Abbiamo chiesto, inoltre, l’autorizzazione per aprire un parcheggio pubblico, come si è fatto ogni anno, ma nonostante abbiamo già il benestare della Sovrintendenza (è un’area vincolata), ci manca quello del Comune, perché? A noi mancano i servizi essenziali, come la pulizia delle strade e delle spiagge, la conduttura idrica o quella fognaria, quindi perché dobbiamo continuare a pagare le tasse? Infine, vorrei rispondere al consigliere Porsenna, che ha detto che lì ci abitano cittadini residenti in altri comuni, ma le tasse, quei cittadini, le pagano al Comune di Ragusa e non altrove".

Il Laboratorio 2.0 ha sposato la causa dei residenti ed ha formalizzato una piattaforma di richieste da presentare al sindaco.