Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 399
RAGUSA - 23/05/2015
Attualità - Nella delibera votata dalla giunta che dovrà essere approvata dal consiglio

A Ragusa nuove regole per dehors e strutture esterne

La norma era attesa dai tecnici e dai progettisti e regolamenta, in maniera compiuta, un settore dove troppo spesso si sono registrate anomalie Foto Corrierediragusa.it

Le strutture precarie all’esterno delle attività commerciali o nelle abitazioni private saranno regolamentate. D’ora in poi, in attesa del via libera del consiglio comunale, tettoie, pensiline e coperture amovibili potranno essere realizzate previa comunicazione agli uffici preposti. La copertura aggiuntiva all’attività commerciale o dell’abitazione privata dovrà tenere in debita considerazione la superficie interna dell’immobile e non deve superare i due terzi dell’estensione complessiva. E´ quanto ha deliberato la giunta municipale per riportare ordine nel settore del commercio dove da qualche anno a questa parte molti, se non tutti, sono andati per conto proprio.

La norma era attesa dai tecnici e dai progettisti e regolamenta, in maniera compiuta, un settore dove troppo spesso si sono registrate anomalie. «Abbiamo voluto dettare le linee guida del nuovo regolamento –spiega l’assessore all’urbanistica, Salvatore Corallo - per la realizzazione strutture precarie nel territorio comunale. Una proposta per il consiglio Comunale e dalla giunta municipale. Il documento, che mira a disciplinare, con specifiche disposizioni, le modalità di realizzazione di verande, tettoie, pensiline, gazebo ed altre strutture "temporanee" di questo tipo, risponde ad una precisa istanza presentata da diversi operatori economici, specie a servizio delle attività commerciali e da professionisti e privati.