Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 946
RAGUSA - 21/05/2015
Attualità - La Confcommercio reclama maggiore elasticità

Un chilo di pane? 50 euro con multa!

Gli affari dei commercianti rischiano di andare a rotoli Foto Corrierediragusa.it

Comprare il pane e ritrovarsi con una multa da 50 euro. La telecamera nota come street control in uso alla Polizia municipale inchioda e non salva nessuno che non rispetti il codice della strada a cominciare dal divieto di sosta. Anche pochi minuti con la macchina fuori dalle aree di sosta può dunque costare caro soprattutto se dietro l´automobilista c´è la macchina dei vigili urbani con tanto di telecamera. L´episodio è riferito dalla Confcommercio che prende spunto per fare il punto della situazione a pochi mesi dall´avvio del sistema denominato "Street control" in dotazione alle pattuglie dei vigili. Si tratta di una telecamera a bordo di una macchina in dotazione ai vigili che gira per la città e rileva le infrazioni e le criticità del traffico. "Se ne sta facendo un utilizzo vessatorio" dice il presidente della sezione Ascom, Salvatore Ingallinera- Non aiuta nessuno e soprattutto i commercianti degli esercizi di vicinato che continuano a lottare, giorno dopo giorno, per far quadrare i conti in attesa che qualcosa cambi mentre c’è chi sembra intenzionato a volerli affondare per forza». Un atto di accusa sulla gestione dello "Street control" e un invito a rivedere il suo utilizzo.

"Nel caso specifico l’automobilista ha torto e nessuno ha niente da dire. Ma ritengo che ci voglia quella dose di elasticità e di attenzione alle situazioni che, in questo caso, avrebbe senz’altro potuto invogliare la polizia locale a decidere per un bonario avviso nei confronti del potenziale trasgressore. Anche perché, lo ribadiamo, così facendo si dà l’impressione di avere attivato una politica sanzionatoria senza «se» e senza «ma» che non solo non dà respiro ai cittadini ma mette in croce anche gli esercizi di vicinato, soprattutto quelli che non possono contare su aree di sosta libera nelle proprie zone di pertinenza, e cioè quasi tutti. Tra l’altro l’automobilista ha specificato che, avendo subito la multa, non prenderà più il pane in quell’esercizio".

Il caso dell´incauto automobilista non è il primo perchè anche in altre occasioni sono stati in tanti a ricevere a casa la foto della propria infrazione con relativa multa. Da qui la presa di posizione ufficiale dell´associazione che intende con la propria segnalazione tutelare i propri affiliati.