Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 529
RAGUSA - 14/05/2015
Attualità - Emerge dallo studio commissionato dal Ministero della Giustizia

Giustizia "lumaca" al tribunale di Ragusa

Ragusa in questa particolare classifica si piazza al 55mo posto Foto Corrierediragusa.it

Chi ha una causa civile in pendenza al Tribunale di Ragusa deve rassegnarsi ad attendere 1.099 giorni. Per arrivare ad una sentenza infatti occorrono praticamente tre anni. Una perfomance per niente brillante per il tribunale ragusano così come emerge dallo studio commissionato dal Ministero della Giustizia, curato da Roger Abravanel con Stefano Proverbio e Fabio Bartolomeo, su "L´Osservatorio per il monitoraggio degli effetti sull’economia delle riforme della giustizia" presieduto dalla ex Guardasigilli Paola Severino. A Ragusa dovrebbe essere applicato, come suggerisce il dossier, il metodo "Strasburgo" responsabilizzando i magistrati, dando loro obiettivi e incentivi, riorganizzando la macchina giudiziaria. Il tribunale ibleo, tra l´altro ha un punto di forza strutturale, perchè ha un organico inferiore ai 25-30 magistrati, che è ritenuto ambiente ideale per accelerare il corso dei procedimenti giudiziari. Lo studio ministeriale prende in esame due milioni di cause – delle 5 milioni pendenti – e valuta le perfomance di 139 tribunali classificandoli sulla capacità di smaltire vecchi processi e non solo sulla valutazione dei costi derivanti per l’erario dalla giustizia "lumaca".

Ragusa in questa particolare classifica si piazza al 55mo posto della fascia più bassa in buona compagnia in Sicilia visto che tutti i tribunali siciliani e del sud in generale offrono un panorama sconfortante, almeno per l´utenza. Le uniche eccezioni, con prestazioni di carattere "europeo", sono rappresentate da Marsala e Termini Imerese che restano vere e proprie oasi nel deserto. I due tribunali hanno superato l´esame a pieni voti e si trovano nel gruppo dei primi 27. Marsala con una durata media del processo di 461 giorni si piazza addirittura all´ottavo posto e dietro soltanto a Rovereto, Aosta, Trieste, Verbania, Cuneo, Lanciano e Udine. A Termini Imerese, invece, la percentuale di vecchi processi è del 17,1%. Percentuale non bassissima, ma che è supportata dagli appena 532 giorni di durata media di una causa civile. Marsala sorprende ancora di più perchè ha un tribunale distaccato su più sedi con tanti problemi logistici. Peggiori in assoluto in Italia Agrigento e Palermo.

Al sud in genere il 40% dei processi sono pendenti da più di tre anni (contro il 19% del Nord e il 27% del Centro) e la durata media di una causa civile è di 996 giorni (597 al Nord , 893 al Centro). Come invertire la tendenza? Secondo l´Osservatorio, occorre seguire l´esempio di Marsala, «diventato in breve tempo uno dei tribunali con la minore incidenza delle cause ultra triennali e con i più veloci tempi di definizione», si legge nel dossier.