Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 932
RAGUSA - 03/05/2015
Attualità - Lo stand del comune previsto solo a giugno

Ragusa assente ingiustificata a Expo

I consiglieri di opposizione insorgono Foto Corrierediragusa.it

«Mentre tutti gli occhi del mondo sono stati concentrati sulla Expo di Milano, il Comune di Ragusa si è accodato a una serie di progetti di dubbia riuscita che ci faranno eccellere non per la qualità e le caratteristiche peculiari dei nostri prodotti gastronomici, bensì per la nostra assenza». E’ la denuncia che arriva dai consiglieri comunali del Partito Democratico Mario Chiavola e Mario D’Asta oltre che dal segretario del circolo «Rinascita Democratica», Tony Francone, e dal presidente dello stesso circolo Vito Frisina. I quattro si chiedono che fine abbia fatto la pianificazione avviata dal Comune di Ragusa ai fini della presenza in uno degli stand dell’esposizione internazionale in programma nel capoluogo lombardo e, soprattutto, perché è stato deciso di assicurare la presenza della realtà ragusana soltanto a metà giugno.

«Vorremmo capire, e lo chiederemo anche in aula – dicono i due consiglieri – come stanno le cose, a che punto è rimasta la programmazione e, soprattutto, a chi devono attribuirsi le responsabilità di questa gravissima mancanza. Perché se, in queste ore, tutto il mondo sarà all’Expo, la città di Ragusa, nonostante l’Amministrazione comunale abbia ricevuto da mesi sollecitazioni in questa direzione, non è stata rappresentata? Vogliamo sperare che non si correrà ulteriormente questo rischio. Già il fatto di non esserci all’inaugurazione è stato penalizzante. Ma vogliamo ritenere che si possa recuperare il tempo perduto magari a partire dai prossimi giorni. E non serve a niente che ci dicano che Ragusa è stata inserita in un contesto regionale per la partecipazione all’esposizione internazionale. E che è stato predisposto un programma unico per il Sud-Est della Sicilia. Noi - concludono i consiglieri - avremmo dovuto essere rappresentati all’inaugurazione".

Nella foto da sx D´Asta, Francone, Frisina e Chiavola