Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 715
RAGUSA - 06/04/2015
Attualità - In molti hanno optato per la campagna e i centri storici

Pasquetta ventosa e nuvolosa, ma sono tornati i turisti

Buone le presenze negli alberghi e negli agriturismi, prova generale per il fine settimana del primo maggio Foto Corrierediragusa.it

Vento e temperatura al di sotto della media stagionale. Il Lunedì dell´Angelo non è risultata la migliore giornata per stare all´aria aperta soprattutto a mare e in molti hanno scelto alla fine la campagna o di restare in città. Lo hanno fatto certamente i turisti che finalmente in buon numero sono stati presenti nei centri storici barocchi del territorio. Ristoranti e bar hanno lavorato fino al tardo pomeriggio a pieno ritmo vista la presenza dei turisti che con pullman e mezzi propri hanno scelto il ragusano per la loro Pasquetta. I numeri non sono ancora noti ma anche gli alberghi e le strutture ricettive hanno fatto registrare buone percentuali per i pernottamenti tra il sabato e la domenica di Pasqua.

L´attrazione delle feste religiose locali, da Modica a Scicli e a Comiso, è stato uno dei motivi in più per la scelta soprattutto di quanti risiedono in Sicilia. Molto visitata, nonostante il vento, anche la casa del commissario Montalbano a Punta Secca. Chi è andato al mare ha dovuto rivedere i piani perchè il vento è stato fastidioso e la temperatura non proprio invitante. Il traffico sulle strade è stato regolare e qualche intasamento si è verificato solo nella tarda serata. La Pasquetta è stata, come di solito accade, la prova generale del lungo fine settimana di fine mese grazie alla concomitanza del primo maggio che quest´anno cade di venerdì e consentirà di prolungare le visite. Albergatori e ristoratori hanno potuto comunque riscontrare un certo movimento rispetto al lungo e piovoso inverno e sperano di raccogliere i frutti dei loro investimenti nel corso delle prossime settimane e in particolare del primo maggio.