Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 760
RAGUSA - 02/04/2015
Attualità - All’unanimità in consiglio comunale

Approvato Odg recupero ferrovie abbandonate

La soddisfazione del presidente del consiglio Iacono e della consigliera Migliore Foto Corrierediragusa.it

Il Consiglio comunale ha approvato all´unanimità l´ordine del giorno presentato, lo scorso novembre, da Sonia Migliore (foto), portavoce del Laboratorio politico culturale 2.0, sul recupero e sulla riqualificazione delle stazioni ferroviarie abbandonate. Una proposta condivisa pienamente, e sin da subito, da Giovanni Iacono, presidente del Movimento Partecipiamo, che, insieme alla Migliore, ha lavorato affinché l´Aula facesse sua questa inziativa, nata, è bene ricordarlo, da uno studio attento e meticoloso, dell´architetto Marika Platania, componete del direttivo del Lab. 2.0, sul potenziale economico di una riqualificazione di questo patrimonio architettonico e storico. Queste strutture adesso potranno diventare oggetto di progetti sociali, culturali, turistici e/o imprenditoriali.

Recuperare queste stazioni significa anche donare una seconda vita ai tanti chilometri di rete ferroviaria oggi inutilizzati, da adibire a piste ciclabili e pedonali, le cosiddette greenways. Intervento che si inserisce perfettamente negli atti amministrativi già votati per il recupero della ferrovia di Ciccio Pecora.

"Un ringraziamento particolare - dichiara Sonia Migliore - va a tutta l´opposizione, che ieri in Aula ha sostenuto convintamente l´iniziativa da me proposta". «Non possiamo che esprimere soddisfazione – dichiarano congiuntamente Sonia Migliore e il presidente del consiglio Giovanni Iacono – per l´approvazione di questo ordine del giorno, che avrà, ne siamo certi, un impatto importante sul settore turistico ed imprenditoriale locale. Adesso deve iniziare senza alcun indugio l´iter per il recupero delle stazioni e delle linee ferrate abbandonate».