Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 947
RAGUSA - 31/03/2015
Attualità - Non ci sono soluzioni immediate

Emergenza discariche a Catania e Ragusa

Servono risorse ingenti che la Regione non ha e che dovrà chiedere ai cittadini siciliani per i quali la bolletta rifiuti è la più esosa d’Italia insieme a quella campana Foto Corrierediragusa.it

La situazione rifiuti è drammatica in Sicilia. Per il momento l´emergenza è sul versante occidentale con Palermo e dintorni invasi da sacchetti di plastica e rifiuti di ogni genere ma l´allarme è prossimo a scattare anche sul versante orientale perchè la discarica di Catania si esaurirà a maggio, Cava dei Modicani a Ragusa a giugno, e delle discariche progettate a Enna, Gela e Messina, non si hanno certezze sui tempi di consegna perchè sono stati affidati gli appalti. A fine maggio, a conti fatti, in Sicilia si produrranno le solite sei mila tonnellate di rifiuti al giorno ma le discariche funzionanti ne potranno accogliere appena la metà. E tutto il resto? O sulle strade, come accade oggi nel palermitano con grande danno all´immagine ma anche alla vivibilità di tante città, o all´estero. Il presidente Crocetta accarezza questa idea ma deve fare i conti con le esangui casse della Regione. Portare l´immondizia via nave a Palma di Maiorca in Spagna, in Olanda, in Austria o Portogallo, costerebbe infatti 150 euro a tonnellata mentre oggi per il conferimento in discarica il costo si aggira sui cento euro.

Servono dunque risorse ingenti che la Regione non ha e che dovrà chiedere ai cittadini siciliani per i quali la bolletta rifiuti è la più esosa d´Italia insieme a quella campana. Una situazione insostenibile, i cui nodi stanno venendo al pettine perchè negli anni in tema di rifiuti non sono state fatte scelte operative ma si è solo parlato senza costrutto. La Sicilia all´avvio della stagione turistica, alle porte di Pasqua, si presenta con uno spettacolo desolante. Nè barocco, nè architetture arabe, nè aranceti, nè ceramiche, solo una teoria di chilometri di immondizia da Punta Raisi al centro di Palermo per quella che è stata già definita "la grande bruttezza".


You are losing money!
31/03/2015 | 22.40.25
Michael

Sicily´s inability to take care of the garbage means that you will lose hundreds of millions of Euros in tourist revenue. I´m from Sweden and love Sicily, but I know that many people won´t be traveling to Sicily because of the situation with garbage.