Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 814
RAGUSA - 29/03/2015
Attualità - Iniziata ufficialmente si concluderà la domenica di Pasqua

La benedizione delle palme ha dato il via alla settimana santa

A Ibla suggestiva benedizione ai Giardini Iblei e poi processione per le vie del quartiere barocco Foto Corrierediragusa.it

La Domenica delle palme è stata celebrata in tutte le parrocchie iblee. E´ l´avvio ufficiale della settimana santa che porterà fino alla domenica di Pasqua attraverso riti religiosi,folkloristici e preghiere che accomunano tutte le città. Ad Ibla nella cornice del sagrato antistante la chiesa di San Giacomo apostolo, all’interno dei Giardini iblei, palme e ramoscelli d’ulivo portati dai fedeli e che gli stessi hanno poi condotto a casa quale simbolo di pace. E’ stata una cerimonia ancora più partecipata degli scorsi anni e a cui hanno presenziato anche i gruppi scout Fse di Ragusa 3. «Sono giornate particolari – ha il parroco di S.Giorgio, don Pietro Floridia, con addosso il piviale cerimoniale, accompagnato dal cappellano del Duomo, padre Joseph Muamba Bulobo – in cui si rievoca il mistero della morte di Cristo. Non è un dramma che finisce con la crocifissione ma viene, piuttosto, esaltato dalla Pasqua. L’evento gioioso iniziale è rappresentato dalla domenica delle Palme che ci introduce alla Passione ma che, allo stesso tempo, ci proietta verso la Resurrezione. I numerosi nostri fratelli che, in varie parti del mondo stanno soffrendo a causa della loro fede, si identificano con il Cristo crocifisso e ci danno esempio della loro testimonianza. Noi cristiani non ci abbattiamo perché sappiamo che Cristo ha vinto il mondo e che alla fine la forza dell’amore del Crocifisso risorto vincerà le stoltezze e le resistenze degli uomini».

Subito dopo la benedizione, i fedeli, in processione, hanno proceduto dai Giardini per le strade principali di Ibla (nella foto), sino ad arrivare al Duomo di San Giorgio. La cerimonia è proseguita con la celebrazione della messa caratterizzata dal ricordo del trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme, osannato dalla folla che lo salutava agitando rami di palma. I riti della Settimana santa, a Ibla, assumono una speciale connotazione, nell’ambito della celebrazione delle Quarantore di adorazione del Santissimo Sacramento per ricordare le quaranta ore durante le quali Gesù rimase nel Sepolcro. Si tratta di riti animati dalle processioni che saranno tenute dalle varie confraternite presenti nel quartiere barocco.