Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:10 - Lettori online 904
RAGUSA - 23/03/2015
Attualità - La decisione assunta dalla competente commissione regionale

Feste S. Giorgio e S. Giovanni sono Eredità Immateriali

Il Rei identifica, classifica, salvaguarda e promuove le eredità immateriali della Sicilia, la sua eredità culturale che si trasmette oralmente di generazione in generazione Foto Corrierediragusa.it

Le feste patronali di S. Giorgio Martire e di San Giovanni Battista sono state iscritte nel Registro Eredità Immateriali (Rei) della Regione Sicilia. La commissione competente, nella seduta del 18 febbraio scorso, ha approvato lo scorso 18 febbraio l’iscrizione delle due feste patronali di Ragusa nel registro del Patrimonio Culturale Immateriale della Regione Siciliana, all’interno del Libro delle celebrazioni, delle feste e delle pratiche rituali. Alla festa di San Giorgio Martire ha riconosciuto una «nutrita concomitanza di elementi cerimoniali e rituali che testimoniano forme spettacolari riconducibili al teatro barocco» ed alla festa di San Giovanni Battista «un ciclo festivo particolarmente ricco di elementi tradizionali, con aspetti propri di forme di religiosità in gran parte desuete».

Il Rei identifica, classifica, salvaguarda e promuove le eredità immateriali della Sicilia, la sua eredità culturale che si trasmette oralmente di generazione in generazione e che in quanto tale è particolarmente effimera e soggetta a un forte rischio di estinzione.