Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 795
RAGUSA - 20/03/2015
Attualità - L’assessore all’energia Vania Contrafatto corre ai ripari

A Ragusa e Vittoria 2 impianti di compostaggio rifiuti

Entreranno in funzione già da questa estate Foto Corrierediragusa.it

L´assessore all´energia Vania Contrafatto (foto) corre ai ripari per far fronte all´emergenza rifiuti. Le discariche siciliane sono al limite della capienza e la raccolta differenziata è al palo, molti i siti da bonificare perchè inquinati e l´Europa incalza la Sicilia con multe salatissime. L´assessore intende dare delle risposte ed ha programmato l´attivazione di impianti di compostaggio. Saranno 18 in tutta la Sicilia, di cui nove finanziati ma mai entrati in funzione. Da quest´estate quelli disponibili dovranno entrare in funzione e nel´elenco dei siti da aprire ci sono la discarica di Cava dei Modicani a Ragusa e di Pozzo Bollente a Vittoria. L´assessore ha annunciato l´avvio dell´iter perla gestione delle due discariche e dice: "L´apertura della struttura di Ragusa, con una potenzialità di 15mila tonnellate di rifiuti l´anno, e quella di Vittoria, capace di stoccarne 5,5 mila s´inquadra fra le iniziative che abbiamo intrapreso per incentivare la differenziata e ridurre la produzione dei rifiuti. Dopo 6 anni finalmente abbiamo sbloccato questi impianti che, a pieno regime, consentiranno pure un abbattimento dei costi del 35%".

Il punto dolente, tuttavia, è che si debba fare una seria differenziata. Le aliquote sono ancora troppo basse sia nel capoluogo sia nell´ipparino e per funzionare questi impianti devono avere come carburante la cosiddetta frazione organica per produrre il compost, il concime impiegato in agricoltura

Proprio la raccolta differenziata è un´ossessione del governatore Rosario Crocetta, che promette una tassa per chi non separa l´immondizia: «La vogliamo inserire nella Finanziaria. Chi non differenzia, paga di più. Non è possibile che la Sicilia sia ferma al 10% di spazzatura riciclata".