Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 746
RAGUSA - 10/03/2015
Attualità - E’ costata 250 mila euro ed è composta da migliaia di pregevoli pezzi

Collezione abiti storici Trifiletti torna al castello

La "permanente" sarà ospitata nelle sale del maniero a Donnafugata, il resto esposto nei bassi Foto Corrierediragusa.it

Migliaia di capi di abbigliamento (nella foto) che ne fanno una delle collezioni più pregiate a livello europeo. E´ la collezione di abiti storici della famiglia Arezzo di Trifiletti che è stata acquisita dal comune. La sua destinazione sarà quelle delle sale del castello di Donnafugata dove la collezione sarà ospitata in modo permanente anche perchè è il luogo più caro della famiglia Arezzo che qui ebbe dimora. Il passaggio ufficiale della collezione all´ente pubblico è avvenuta presso il maniero alla presenza dell´assessore ala Cultura, Stefania Campo, e di due rappresentanti della Sovrintendenza di Ragusa che ha posto il vincolo sul bene.

Per la vastità della collezione solo un parte sarà esposta nei saloni mentre gli altri pezzi saranno presentati all´interno dei bassi. La collezione è stata trasferita da Gabriele Arezzo di Trifiletti, erede e proprietario, al Comune per 250 mila euro a cui si aggiungeranno le risorse necessarie per l´allestimento dell´esposizione.

Si tratta di migliaia di capi di abbigliamento, con relativi accessori, tra cui figurano manifatture particolarmente rare e pregiate, che costituiscono un pregevole catalogo della moda siciliana dal 17mo all´inizio del 20mo secolo. Fanno parte della collezione abiti di antenati di famiglia, come quelli di Michele Amari di Sant´ Adriano ed Emerico Amari, il musicista Pietro Floridia, il barone Corrado Arezzo di Donnafugata e altri esponenti della famiglia. Presenti anche abiti confezionati a mano per Donna Franca Florio, Donna Annina Principessa di Montereale ,il soprano Amelia Pinto, Giuditta Pasta e il musicista e compositore catanese Vincenzo Bellini.