Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 517
RAGUSA - 02/03/2015
Attualità - Proteste per la sospensione del corso in Storia contemporanea

Università iblea tra petizioni studentesche e giudici

Intanto Consiglio di Giustizia amministrativa (presidente Marco Lipari, consigliere estensore Alessandro Corbino) ha annullato l’ordinanza del Tar di Catania sulla sospensione cautelare della determina del dirigente del settore della Pubblica Istruzione, Salvatore Maucieri, che non aveva trasferito 405 mila euro al Consorzio Universitario Ibleo quale contributo integrativo per l’anno 2013 della Provincia di Ragusa Foto Corrierediragusa.it

Una petizione, firmata da circa 50 studenti, è stata avviata alla sede distaccata di Ragusa delle facoltà di Lingue dell´università di Catania dopo la sospensione del corso in Storia contemporanea per il mancato rinnovo del contratto al docente incaricato. Nel documento, inviato al rettore, si legge. "noi studenti, che siamo l´asse portante dell´università e che paghiamo le tasse per avere dei servizi universitari, ci troviamo da gennaio con le lezioni sospese e l´impossibilità di sostenere gli esami". "Abbiamo dovuto subire un danno formativo evidente - si sottolinea nella petizione - perché il concorso relativo ad individuare il docente del corso di Storia contemporanea è stato annullato dal Tar lo scorso anno". La graduatoria del concorso è stata infatti rimodulata dai giudici amministrativi di Catania e confermata dal Cga di Palermo dopo il ricorso del professore Giombattista Scirè che ha riconosciuto la legittimità della sua richiesta. Subentrato a una collega il suo contratto è scaduto dopo 4 mesi e non gli è stato rinnovato. E il corso, intanto, è stato sospeso.

E nel frattempo il Consiglio di Giustizia amministrativa (presidente Marco Lipari, consigliere estensore Alessandro Corbino) ha annullato l’ordinanza del Tar di Catania sulla sospensione cautelare della determina del dirigente del settore della Pubblica Istruzione, Salvatore Maucieri, che non aveva trasferito 405 mila euro al Consorzio Universitario Ibleo quale contributo integrativo per l’anno 2013 della Provincia di Ragusa. La decisione è stata presa perché «ritenuta la dubbia appartenenza della questione alla giurisdizione del Giudice Amministrativo e la complessità comunque delle valutazioni di merito necessarie che saranno affrontate nell’udienza pubblica del 4 novembre 2015».

Il Consorzio Universitario Ibleo aveva aperto un contenzioso con la Provincia di Ragusa per il mancato versamento del contributo integrativo 2013 e in sede cautelare il Tar di Catania lo aveva accolto, ora la decisione del Cga di annullare l’ordinanza del Tar in attesa di entrare nel merito della questione.