Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1430
RAGUSA - 24/02/2015
Attualità - Dura nota di Territorio che non le manda a dire!

Progetti? La giunta di Ragusa è copiona!

Contestati gli ultimi annunci ad effetto lanciati dal comune Foto Corrierediragusa.it

«La pista ciclabile a Marina di Ragusa sul lungomare Bisani e la realizzazione degli arredi in piazza Hodierna a Ragusa Ibla sono idee e progetti della precedente Amministrazione Dipasquale che l’attuale Giunta a 5 stelle propaganda maldestramente come sue. Il rilascio di alcuni rendering funge da perfetta operazione mediatica ma la progettualità è tutta di un’altra Amministrazione». Il coordinamento cittadino di Territorio non le manda di certo a dire ed interviene sugli ultimi annunci ad effetto lanciati dal comune di Ragusa. «In particolare per la pista ciclabile al lungomare Bisani si tratta di un’idea progettuale avanzata diversi anni fa e su cui l’Amministrazione Dipasquale ha ampiamente lavorato. Piuttosto, almeno a guardare il rendering promozionale dell’Amministrazione a 5 stelle, sembrerebbe che a differenza dell’idea progettuale precedente si voglia eliminare un senso di marcia rispetto all’attuale careggiata. Se è così, allora vorremmo capire se l’Amministrazione Piccitto ha anche pensato a soluzioni alternative come un adeguato piano della viabilità in modo da eliminare ogni problema. L’altra questione è quella dell’arredo di piazza Hodierna a Ragusa Ibla.

Lo sanno anche i muri che si tratta del completamento dell’intervento di riqualificazione avviato dal sindaco Dipasquale, un intervento partito dalla coraggiosissima scelta di abbattere l’edificio scolastico fatiscente che occupava inutilmente quell’area. Grazie alla demolizione è stato possibile creare la piazza che adesso si completa con panchine e lampioni, secondo un progetto che è stato semplicemente rivisto ma che si ispira alle azioni procedenti. In ogni caso non può di certo essere nulla di paragonabile all’azione avviata dalla precedente Amministrazione comunale. Piuttosto sulla nuova progettualità attendiamo ancora di capire cosa l’Amministrazione a 5 stelle ha realmente realizzato.

Il piano triennale delle opere pubbliche, e sicuramente emergerà in Consiglio comunale, è come sempre un buon copiato. C’è qualcosa di nuovo ma nulla di realmente eclatante che possa trasformare la città, come invece dovrebbe fare uno strumento di programmazione così importante. Insomma dopo due anni di attività amministrativa - chiude la nota di Territorio - si è dinnanzi ad una progettazione povera di contenuti».

I PROGETTI "COPIATI" DELLA GIUNTA
La legge su Ibla e il piano triennale delle opere pubbliche. Da questi strumenti passa il rilancio della città attraverso nuovi e vecchi progetti che vanno in porto e che modificheranno soprattutto alcune aree dei centri storici (in particolare a Ibla) ma anche Marina di Ragusa. Alcune progettualità sono state annunciate dalla giunta. Un progetto in particolare riguarda Ragusa Ibla. Inizieranno infatti presto i lavori di completamento di piazza Hodierna (foto), dinnanzi ai giardini iblei. Il primo appalto, relativo alla fornitura dei corpi illuminanti è stato aggiudicato alla ditta Di Raimondo (Modica) per un importo di complessivi 135 mila 000 euro. Il secondo, riguardante i lavori di impiantistica, è stato aggiudicato alla ditta Assenza Appalti (Modica) per circa 95 mila euro al netto del ribasso. L´intero programma di interventi di arredo urbano della piazza, all´ingresso del quartiere barocco, dovrebbe essere definitivamente completato entro il mese di maggio. Il progetto prevede la realizzazione di panchine rivestite in pietra locale, poste lungo il perimetro della piazza, dividendo così lo spazio carrabile da quello pedonale. Prevista anche l´introduzione di essenze arboree autoctone all´interno di fioriere installate nella zona adiacente ai Giardini Iblei ed inglobate nelle panchine, con la contestuale creazione di un´apertura sulla cancellata esistente insieme ad una rampa per disabili ed una scalinata ad essa adiacente. L´innovativo sistema di illuminazione della piazza sarà garantito dall´inserimento di una serie di strisce luminose a led che riporteranno alla luce il tracciato dell´Antico Convento di San Domenico, il quale si estendeva lungo l´attuale tracciato della piazza fino agli inizi dell´800.

Accanto al sistema di illuminazione a led, sarà realizzata una serie di mattoncini in calcestruzzo di colore grigio con l´inserimento di una dicitura che segnala la presenza delle tracce dell´Antico Convento. L´intervento prevede anche la realizzazione di percorsi specifici per non vedenti ed ipovedenti.

Ma nelle prospettive c´è anche Marina di Ragusa. In particolare si guarda alla riqualificazione del lungomare e alla creazione della pista ciclabile che andrà dal porto verso Santa Barbara. Il piano triennale approderà a breve in Consiglio comunale. Tra i progetti intendo evidenziare quello per la pista ciclabile che verrà compiuta nel tratto compreso tra il porto turistico e Punta di Mola, sul lungomare Bisani. Quattro chilometri in cui si istituirà il senso unico di marcia che consentirà di dividere in due l´attuale carreggiata. Da una parte verrà garantito il transito dei mezzi, dall´altro, separato da una aiuola proprio per garantire i parametri di sicurezza, la carreggiata verrà, a sua volta divisa in due parti. Una è riservata alla pista ciclabile, l´altra per consentire il transito pedonale. Il progetto immediatamente cantierabile, sarà reso esecutivo subito dopo l´approvazione del bilancio di previsione. A conti fatti, secondo quanto definito, l´opera sarà consegnata nel mese di giugno.


Punta di Mola
28/02/2015 | 11.04.43
Euro

Non solo Peppe ha ragione ma sono convinto che molti la pensiamo come lui. Siamo stanchi di sentire chiacchiere e leggere dichiarazioni volte solo a dare visibilità a questo o a quel movimento cosiddetto politico. Si tratta di solito di "politicanti" per interesse manifesto o occulto con nessun vero interesse per il bene comune. Si può e, credo, si deve dedicare un breve periodo della propria vita (sottraendo tempo alla famiglia ed al proprio tempo libero) alla cosa pubblica, ma poi basta. Viceversa il sospetto di "fare politica" per il proprio tornaconto diventa forte. Dunque il compito delle opposizioni ad una Amministrazione pubblica non può che essere semplicemente di controllo e stimolo a fare sempre meglio. Nella fattispecie si stimoli l´attuale amministrazione di Ragusa a rilanciare tutta la zona Santa Barbara-Punta di Mola (senso unico anche in via dott. S. Ottaviano, sistemazione antistante spiaggia, etc). Non è importante la primogenitura delle opere bensì farle e farle bene ed al minor costo per il contribuente.


LE BIECHE OPPOSIZIONI
25/02/2015 | 21.21.50
Peppe

LE OPPOSIZIONI NON CAPISCONO CHE AI CITTADINI INTERESSA CHE DETERMINATI PROGETTI, INVESTIMENTI, VOLTI A MIGLIORARE LA VIVIBILITA’ DI UNA CITTA’ E AD INCREMENTARNE I SERVIZI, DEBBANO CONCRETIZZARSI. SIAMO STANCHI ED IRRITATI DI SENTIRE I MEDESIMI ANNUNCI INSOLUTI. QUINDI SIGNORI DI «TERRITORIO» INVECE DI DIRE CHE L’AMMINISTRAZIONE PICCITTO E’ COPIONA, DITE CHE BENE HA FATTO IL SINDACO PICCITTO E L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE A RIPRENDERE E PORTARE AVANTI DEI PROGETTI IMPOSTATI DALLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE. AUSPICHIAMO, INVECE, CHE TUTTI COLLABORINO AFFINCHE’ QUESTI PROGETTI ED INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE POSSANO ESSERE PORTATI AVANTI E REALIZZATI CON COMPETENZA E NEL RISPETTO DEI TERMINI PREVISTI. IL BENE COMUNE «DOVREBBE» PREVALERE SULL’INTERESSE DI PARTE (MA, FORSE, QUESTA E’ UNA CHIMERA).