Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 484
RAGUSA - 23/02/2015
Attualità - Stipendio d’oro per il dirigente Carmelo Arezzo pari a 265 mila euro annui

Carmelo Arezzo il più pagato di Sicilia

Quello degli stipendi è solo la punta dell’iceberg di un sistema camerale
Foto CorrierediRagusa.it

Se all´Assemblea siciliana il compenso del segretario generale non può superare i 240 mila euro per effetto della spending review e alla Regione per i super burocrati neo contrattualizzati il tetto per legge è di 160 mila euro, nelle Camere di commercio, in Sicilia, accade di tutto: a Ragusa il segretario generale della Camcom Carmelo Arezzo (foto) tra retribuzione, salario accessorio e oneri riflessi costa alle casse dell´ente 265mila euro all´anno. Poco meno per il massimo dirigente del piccolo ente di Enna, ben 237mila euro a fronte di una spesa complessiva per l´intero personale (25 dipendenti) pari a 1,1 milioni di euro. Ma quello degli stipendi è solo la punta dell´iceberg di un sistema camerale che leggendo i dati della relazione tecnica al disegno di legge di riforma, che l´Ansa è in grado di anticipare, appare complesso, disomogeneo e articolato in un groviglio di partecipazioni in società ed enti, con una moltiplicazione di poltrone e posti di sottogoverno.

I bilanci degli enti si fermano al 2013, e non tutti sono positivi. A Messina la Camera di commercio, per anni gestita dall´ex dominus Sergio Billè, ha chiuso l´ultimo esercizio disponibile con un disavanzo di 469 mila 741 euro, quella di Catania risulta la più ricca, con un volume di immobilizzazioni finanziarie e materiali pari a oltre 35 milioni di euro e decine di partecipazioni in società azionarie. La riforma era all´ordine del giorno dell´Ars ma è tornata in commissione Attività produttive su pressione di alcuni deputati, soprattutto dell´opposizione, che temono una svendita dell´immenso patrimonio degli enti.

In totale, le nove Camere di commercio hanno iscritto nei propri bilanci un patrimonio di oltre 40 milioni di euro. Il valore delle immobilizzazioni finanziarie è di oltre 46 milioni, la fetta più grossa, pari a 19,3 milioni, si trova a a Catania, mentre è Enna quello col volume più basso, appena 34 mila 634 euro. Il patrimonio netto del sistema è di 31,39 milioni, quello effettivo di 30,9 milioni.


scandalo
25/02/2015 | 2.31.32
scarpantibus

Se questo non è uno scandalo, ditemi qual è.


STIPENDI DA FAVOLA
24/02/2015 | 11.59.26
mambo

Sembra che, avuta la notizia, Mattarella ha avuto la tentazione di dimettersi dal Quirinale per venire a fare il Segretario Generale della Camcom...


e le imprese chiudono...
23/02/2015 | 17.05.53
gianni

le imprese chiudono e loro, che vivono sulle spalle delle imprese, si arricchiscono alla grande...