Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 909
RAGUSA - 09/02/2015
Attualità - Gli alimenti saranno forniti da aziende locali con prodotti anche biologici

Pasti a km zero per la mensa scolastica a Ragusa

Lo prevede il nuovo bando per il servizio di refezione che sarà attivo dal 1 Marzo e resterà in vigore per due anni Foto Corrierediragusa.it

Il nuovo bando sul servizio di refezione scolastica è pronto. Dal primo di marzo la ditta aggiudicataria dell’appalto dovrà garantire elevati standard di qualità degli alimenti con una tipologia di menù totalmente differente rispetto al passato. Il prezzo per un pasto è stato elevato da 3 euro e 70 a 5 euro con una quota parte che dovrà essere sostenuta dalle famiglie. Tra le novità di rilievo l’introduzione di prodotti biologici e alimenti legati al territorio.

L´assessore alla Pubblica Istruzione Salvatore Martorana difende le scelte operate anche alla luce delle critiche venute dai consiglieri Pd: "Si tratta di una vera e propria rivoluzione per migliorare la qualità dei cibi forniti a 1500 bambini della nostra città. Il nostro consulente nutrizionista ci ha fornito alcune indicazioni interessanti sulla tipologia dei pasti e sulla qualità degli stessi alimenti. Abbiamo voluto modificare in toto la nuova gara introducendo alcuni concetti fondamentali quali la tipicità degli alimenti e la provenienza da aziende locali. Per la prima volta - precisa l’assessore Martorana - si parla di prodotti biologici, di minestre preparate con ortaggi freschi e nostrani e di frutta rigorosamente di stagione. Anche le mamme hanno fornito il loro indispensabile apporto con le segnalazioni raccolte nella scheda di valutazione».

L’appalto per la refezione scolastica avrà una durata biennale dal primo di marzo di quest’anno fino al 2016: le ditte che si presenteranno alla gara che dovranno avere standard elevati nella preparazione di pasti industriali.