Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 727
RAGUSA - 07/02/2015
Attualità - Al loro posto cycas e aiuole di fiori, seppure in maniera sperimentale

Addio alle storiche palme di Ragusa Ibla

In base all’effetto scenografico finale non sono escluse altre soluzioni Foto Corrierediragusa.it

Addio alle storiche palme di piazza Duomo a Ibla (foto). Il punteruolo rosso ha colpito e l´amministrazione si è vista costretta ad intervenire in tempi celeri anche in ossequio ad una circolare dell´assessorato regionale all´Ambiente che impone ai comuni di eliminare le piante malate in modo da contrastare il proliferare del punteruolo rosso. Le operazioni di pulizia sono cominciate già da qualche giorno e continueranno nel corso della prossima settimana. La prima a saltare è stata la palma di fronte alla fontana di cui è stata rimossa sia la fioritura sia il fusto. Il problema non è infatti solo estetico ma anche, se non soprattutto di sicurezza. A Catania, come in altre città, il cedimento della chioma della palma ha provocato incidenti e danni per i passanti per cui è assolutamente necessario fare pulizia nonostante questo voglia dire cambiare il look di piazza Duomo, ormai entrato nella memoria collettiva. Le aiuole tuttavia non resteranno disadorne perchè l´amministrazione procederà a piantumare cycas e fiori. Le cycas, palmizi bassi e almeno finora non attaccabili dal punteruolo, sono piante ornamentali che fanno parte della vegetazione mediterranea.

Si tratta tuttavia di un esperimento, come precisa l´assessore al Verde Pubblico, Salvatore Corallo: "Piantumeremo cycas con delle fioriture e vedere l´aspetto e l´effetto che può avere. Sono interventi purtroppo necessari. E´ l´azione che stiamo portando avanti. Vedremo l´effetto che fanno queste nuove piante e poi non è escludiamo di valutare altre possibilità".