Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 303
RAGUSA - 01/02/2015
Attualità - Dopo la presa di posizione del sindacato nazionale dei professionisti

Tra Forconi e commercialisti nessun contrasto

Il presidente dell’Ordine, Daniele Manenti, ha incontrato il leader del movimento, Mariano Ferro Foto Corrierediragusa.it

Nessuna azione o pressione psicologica dei Forconi sui commercialisti. Il presidente dell´Ordine dei Commercialisti di Ragusa, Daniele Manenti (nella foto) e il leader dei Forconi, Mariano Ferro, hanno parlato degli ultimi avvenimenti che vedono i professionisti nel loro ruolo di delegati della magistratura quali addetti alle indizioni e svolgimento delle aste giudiziarie. Mariano Ferro ha chiarito che l´azione dei Forconi "è finalizzata a sensibilizzare i cittadini e soprattutto la politica ad intervenire tempestivamente per risolvere il problema delle aste giudiziarie a livello legislativo" Il colloquio è arrivato subito dopo l´allarme lanciato dall´Associazione nazionale dei commercialisti, che, chiarisce Manenti, è solo una sigla sindacale ed è organismo differente ed autonomo rispetto all’Ordine professionale dei commercialisti, che ha parlato di pressione indebita nei confronti dei titolari di uno studio presso il quale si sarebbe dovuta svolgere un´asta giudiziaria.

Dice il presidente Manenti: "Come commercialisti, vogliamo ribadire con forza che abbiamo sempre dimostrato la nostra incondizionata disponibilità a comprendere il dramma umano, familiare e sociale che sta dietro un’asta giudiziaria. Siamo prima di tutto persone, cittadini e poi professionisti. Toccare con mano, nel nostro ruolo di professionisti delegati, le mille storie di miseria, di disagio sociale, di esclusione, di drammi familiari ci fa sempre di più comprendere che probabilmente è arrivato il momento per cominciare a combattere la povertà e non i poveri. Avvertiamo che anche nel nostro territorio si rischia di innescare forti turbative sociali, in quanto a fronte delle diffuse difficoltà economiche si aggiunge la difficoltà e l’impossibilità di assicurare una casa alla propria famiglia. Tale situazione rende più che mai necessario ed urgente un intervento della politica a tutti i livelli».


politica assente
02/02/2015 | 9.26.46
giorgio

i politici sono lontani anni luce da queste problematiche in quanto nel loro mondo dorato fatto di privilegi e tanti soldi non capiscono quanta miseria e povertà hanno colpito tante famiglie per vari e gravi motivi. i politici sono buoni a cercarti al momento delle votazioni per accaparrare consensi e rimanere saldi alle poltroce. i forconi devono intraprendere la via della politica seria e fattiva. li aspettiamo