Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 902
RAGUSA - 28/01/2015
Attualità - Nel capoluogo approvato dal Consiglio comunale con 19 voti favorevoli e 6 astenuti

I comuni iblei si dotano del piano per energia sostenibile

Vittoria, Comiso e i comuni montani si sono dotati del piano che mira al raggiungimento degli obiettivi di riduzione 20-20-20 di CO² previsti dall’ Unione Europea Foto Corrierediragusa.it

I comuni iblei si dotano del Piano d´Azione per l´Energia Sostenibile (Paes).Lo ha fatto il consiglio comunale del capoluogo, quello di Vittoria, Chiaramonte e gli altri comuni in questi giorni hanno l´argomento all´ordine del giorno. Comiso, Monterosso, Giarratana, Santa Croce, Acate aderenti a "Sinergia Iblea" entro sabato presenteranno i propri progetti Paes per l´approvazione nei rispettivi civici consensi. L´´obiettivo è il raggiungimento di quelli che sono gli obiettivi di riduzione 20-20-20 di CO² previsti dalla Unione europea. I consumi energetici nella comunità montana sono riferiti all´anno di partenza 2011 e su queste emissioni complessive di CO², si interverrà con un piano per raggiungere la riduzione del 20% entro il 2020. Infine, A Ragusa il Piano Paes è stato elaborato dalla società Azzero CO2 di Roma e dall´Energy Manager del Comune di Ragusa, Carmelo Licitra ed è stato approvato con 19 voti favorevoli e sei astensioni.

Si prevede l´efficientamento degli edifici, degli impianti e dei sistemi d´illuminazione, risparmio idrico, riuso delle acque non potabili, promozione della mobilità alternativa, riqualificazione del trasporto pubblico, produzione energetica da fonti rinnovabili con interventi legati alla diffusione del solare termico, del fotovoltaico e degli orti solari, alcune delle azioni principali previste dal piano, i cui settori centrali riguardano la mobilità ed i trasporti, l´edilizia sostenibile, le energie rinnovabili ed il risparmio energetico. Stimata complessivamente una contrazione di circa 50 mila tonnellate l´anno di CO2 rispetto ad un totale di 216 mila tonnellate emesse nel 2011.