Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 977
RAGUSA - 27/01/2015
Attualità - L’annunciato sit-in davanti ad un noto studio di commercialisti non c’è stato

Forconi in protesta dinanzi alla Prefettura a Ragusa

Sotto accusa sempre le aste capestro Foto Corrierediragusa.it

La protesta dei Forconi si è spostata davanti al portone di ingresso della Prefettura (foto). L´annunciato sit-in davanti ad un noto studio di commercialisti non c´è stato per la mancata autorizzazione da parte dell´autorità di Polizia. La dura presa di posizione dei vertici dell´associazione nazionale dei commercialisti ha scongiurato il faccia a faccia con il professionista incaricato dal magistrato di definire la vendita di un immobile. I Forconi si sono così portati in Prefettura e hanno dichiarato ancora una volta tutto il loro sconcerto per una casa del valore di 115 mila euro che è andata all´asta per appena 15 mila euro. I componenti della famiglia Di Quattro direttamente interessati hanno spiegato le loro ragioni così come Marcello Guastella a nome dei Forconi: "Sia chiaro non ce l´abbiamo con i commercialisti che fanno il loro lavoro, ma con chi non fa per nulla per evitare queste situazione estreme". A dar man forte ai Forconi anche Francesco Aiello che ha fornito i numeri del fenomeno aste a Vittoria. Qui ci sono 350 procedimenti in atto a fronte di 150 a Modica e circa 300 nel capoluogo. I Forconi hanno avanzato tre proposte nel corso della loro protesta. Una moratoria delle aste, l´intoccabilità della prima casa e un fondo salva case gestito dallo Iacp. Domani il movimento protesta a Palermo e non demorde.

COMMERCIALISTI CONTRO FORCONI: "BASTA DEMAGOGIA"
I Forconi non demordono, i commercialisti si ribellano e chiedono tutele. Contro l´annunciato sit-in del movimento dei Forconi davanti ad un noto studio di commercialisti del capoluogo è scesa in campo l´associazione nazionale commercialisti con il suo presidente Marco Cuchel in prima linea. A provocare questa presa di posizione netta è il presidio che alcuni rappresentanti del movimento intendono attuare in occasione della procedura di apertura delle buste per lo svolgimento di un’asta giudiziaria. I titolari dello Studio, che svolgono anche la funzione di custodi e/o delegati del Giudice del Tribunale nelle esecuzioni immobiliari, hanno ricevuto incarico dal Tribunale di Ragusa di procedere alla vendita all’asta di un immobile relativo ad un debitore insolvente e devono dunque portare avanti la procedura. Il Presidente Commercialisti Marco Cuchel, che segue la vicenda per il tramite dei consiglieri nazionali sul territorio siciliano Salvatore Geraci e Rosa Anna Paolino, ha espresso "forte preoccupazione per un’azione che ha tutte le caratteristiche di un’intimidazione nei confronti di professionisti che svolgono funzioni per conto dello Stato.

Non è tollerabile che, soprattutto in territori connotati da grande disagio sociale, l’opinione pubblica sia aizzata contro inermi professionisti, responsabili solamente di servire lo Stato". I vertici dell´Ordine dei Commercialisti hanno chiesto tutele per espletare con serenità il loro mandato e non entrare in conflitto con i Forconi, che sulle aste giudiziarie hanno ormai concentrato la loro attenzione.


avanti tutta
28/01/2015 | 9.06.16
giorgio

forconi avanti tutta per tutelare le persone bisognose e abbandonate da questo Stato che non esiste ma cè solo per i poteri forti, banche, strozzini, affaristi e usurai