Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1467
RAGUSA - 27/01/2015
Attualità - Appello lanciato dal presidente del Consiglio comunale, Giovanni Iacono

Chiesa rupestre di Santa Domenica nel degrado

Sito ricoperto di alberi, verde, fogliame e materiali di rifiuto Foto Corrierediragusa.it

La chiesa rupestre di S. Domenica (foto: l´omonima vallata) versa in uno stato di degrado. L´immobile risulta inaccessibile ed è ricoperto di alberi, verde, fogliame, materiali di rifiuto. La segnalazione è arrivata al presidente del consiglio Comunale, Giovanni Iacono, da parte di alcuni residenti nel quartiere barocco che temono l´irreversibile degrado della chiesa, che si trova accanto a S. Maria del Gesù. Dice il presidente Iacono: "All’interno della chiesa sono presenti apparati decorativi ed affreschi di particolare rilievo, risalenti al 13mo e 14mo secolo. II bene, assieme alla Chiesa e «silva» di Santa Maria di Gesù, risulta essere stato affidato, a canone di legge, dalla Prefettura, ente gestore, alla Soprintendenza di Ragusa». Giovanni Iacono ha inviato la missiva anche al Sindaco di Ragusa, al Vescovo e all’Assessore all’Ambiente del Comune di Ragusa, ed ha rivolto un appello perchè il «bene storico-architettonico-culturale venga recuperato al patrimonio della città e alla fruizione collettiva».

Il presidente ha inoltre dichiarato la piena disponibilità dell’intero Consiglio comunale a collaborare «al fine del raggiungimento dell’obiettivo comune della salvaguardia, recupero e valorizzazione della chiesa di Santa Domenica».