Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 508
RAGUSA - 16/01/2015
Attualità - Ha 31 anni con diverse esperienze all’estero e tanta voglia di far bene

Spotify ha cuore e anima della ragusana Veronica Diquattro

Spotify è il servizio di musica on demand che vanta 60 milioni di utenti attivi, di cui 15 milioni abbonati al servizio a pagamento Foto Corrierediragusa.it

Una ragusana alla guida di Sportify, il servizio di musica on demand più popolare sul web. E´Veronica Diquattro (nella foto), ragusana di Ibla, come tiene a sottolineare, 31 anni, con diverse esperienze professionali già alle spalle tra cui quella al quartiere generale di Google Europa a Dublino,a guidare guidare la sezione Europa di Spotify. "Subito dopo la laurea, con zainetto sulle spalle, sono andata a fare un viaggio in Sud America. Mi sono fermata in Perù dove ho realizzato il marketing online per una catena di alberghi, in Perù appunto, Bolivia e Argentina. Paesi dove il digitale è in via di sviluppo". Nell´esperienza professionale di Veronica non mancano gli stage non retribuiti, anche per grandi aziende: "Non bisogna mai abbattersi perché il futuro si costruisce passo dopo passo".

Spotify vanta 60 milioni di utenti attivi, di cui quindici milioni abbonati al servizio a pagamento. La piattaforma di streaming ha rivelato che le due soglie sono state superate prima della fine del 2014. Per Spotify si tratta della crescita più rapida nella sua storia. Fondato nel 2006 in Svezia da Daniel Ek e Martin Lorentzon e inaugurato alla fine del 2008, il servizio è oggi operativo in una sessantina di paesi (in gran parte distribuiti in Europa, Oceania e Nord/Sud America). In Italia, la piattaforma è aperta dal febbraio 2013 e a guidarla è proprio Veronica Diquattro che racconta così la sua avventura: "Subito dopo la laurea, con zainetto sulle spalle, sono andata a fare un viaggio in Sud America. Mi sono fermata in Perù dove ho realizzato il marketing online per una catena di alberghi, in Perù appunto, Bolivia e Argentina. Sono paesi dove il digitale è in via di sviluppo".