Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 14:58 - Lettori online 984
RAGUSA - 15/01/2015
Attualità - Siglato un protocollo di intesa tra le due associazioni

Cna e Associazione antiracket insieme contro il malaffare

Nell’accordo previste misure di sostegno per quanti denunciano e sono vittime di estorsioni Foto Corrierediragusa.it

Associazione Antiracket e Antiusura e Cna insieme per combattere fenomeni di infiltrazioni mafiose. Il protocollo di intesa tra le due organizzazioni è stato firmato nella sede di Ibla (nella foto: i responsabili delle due associazioni). Obiettivo del protocollo è quello di garantire sostegno alle imprese che operano nel territorio comunale e che in quanto vittime di estorsione e/o usura, decidono di denunciare tali fatti criminosi alle autorità competenti.

«La CNA di Ragusa – dice il presidente Giorgio Biazzo – con questa stipula vuole dare un primo importante segnale alle imprese aderenti all’associazione. Attraverso questo protocollo intendiamo fornire un sostegno concreto a tutti i gli associati che, vittime di questi reati, decidono di denunciare, riconoscendo lo sgravio totale degli oneri e degli adempimenti associativi inerenti il periodo di riferimento».

«Il nostro intento è quello di dare un segnale forte - aggiunge Antonella Caldarera, responsabile della CNA territoriale – alle imprese aderenti e non in linea con quanto già fatto in passato quando, l’allora Presidente della Camera di Commercio di Ragusa, Gianfranco Motta, già segretario provinciale della CNA, istituì, in seno alla CCIAA, un’associazione antiracket».

«Le associazioni Antiracket e Antiusura – afferma Paolo Caligiore, dirigente regionale FAI - senza il sostegno delle associazioni di categorie e di un’apertura al dialogo con le forze dell’ordine che operano sul territorio di riferimento non possono fare molto. Ecco perché il nostro appello va anche a quest’ultime affinché, laddove dovessero presentarsi soggetti che decidono autonomamente di denunciare, di informarci al fine di poterli sostenere e aiutare lungo il percorso».

Per il presidente dell’Associazione ragusana Antiracket e Antiusura, Giuseppe Cabibbo, la speranza è che questo primo passo possa essere uno stimolo, sia per le altre associazioni di categoria che per singoli cittadini, ad aderire all’associazione. «Abbiamo già avviato il dialogo con la Confcommercio – dice – e stiamo registrando l’adesione di singoli cittadini e liberi professionisti che hanno deciso di apportare il loro contributo nella lotta a questi reati. Il nostro obiettivo è garantire la presenza di un’economia sana».

Il presidente Cabibbo lancia poi un appello anche agli imprenditori che operano nel versante modicano:» Siamo disponibili ad accogliere le richieste di aiuto e di sostegno che provengono dai commercianti, a Modica si sta lavorando per l’apertura di un’associazione, nell’attesa mettiamo a disposizione la nostra consulenza».

«Per poter accedere alla misura di sostegno prevista dalla stipula dell’accordo - spiega infine Paolo Pricone, responsabile dello sportello - il beneficiario dovrà presentare denuncia alle autorità competenti, ottenere lo status di vittima di estorsione e/o usura dall’autorità competente e procedere al pagamento delle somme spettanti agli operai, ai collaboratori, quale accantonamento di retribuzione differita, utilizzando le somme ricevute a titolo di risarcimento del danno ex legge n.44/99 e/o legge n° 108/96 oppure attraverso capitali propri, laddove disponibili».