Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1036
RAGUSA - 03/01/2015
Attualità - Saranno rievocati i fatti di 70 anni fa grazie a relazioni di studiosi e testimonianze

Il movimento "Non si parte" negli Iblei, convegno a Ibla

Ci si confronterà non solo intorno alla ricostruzione dei fatti e alla loro più corretta interpretazione ma anche sulla memoria di quegli eventi Foto Corrierediragusa.it

A 70 anni dai fatti del «Non si parte» si tiene lunedì presso l’Auditorium S. Vincenzo Ferreri a Ibla una giornata di studio, fra memoria e storiografia. All’’iniziativa promossa dall’Archivio degli Iblei e dell’Associazione Culturale Sicilia Punto L. ha dato il suo patrocinio l’Università degli Studi di Catania.

Il movimento "Non si parte" vide protagonista, fra il dicembre 1944 e il gennaio 1945, la popolazione di molti comuni dell´italia liberata del sud e particolarmente quella dei comuni della provincia ragusana. Allora in prima fila furono spesso le donne, che si opposero alla chiamata alle armi dei giovani, molti dei quali, già soldati, erano riusciti rocambolescamente a ritornare a casa dopo l´8 settembre. Quel movimento, a cui parteciparono uomini e donne di diversa estrazione sociale, con motivazione diverse e in contesti diversi, è stato variamente interpretato. Mentre al Nord, dove si continuava a combattere contro i tedeschi e i repubblichini, la stampa di regime lo esaltò come esempio di fedeltà al fascismo, Maria Occhipinti, la donna che a Ragusa fu a capo del movimento, è diventata nel corso del tempo il simbolo di un popolo che non china la testa ed è capace di ribellarsi, soprattutto per l´attenzione dedicata dal movimento anarchico.

Nell´ambito della giornata di studio ci si confronterà non solo intorno alla ricostruzione dei fatti e alla loro più corretta interpretazione ma anche su come la memoria di quegli eventi è stata conservata, cancellata, modificata nel corso nel tempo. All’incontro parteciperanno docenti universitari, cultori di storia in ambito locale, storici del movimento operaio e anarchico. Saranno proiettate interviste in video raccolte da Giuseppe Firrincieli. Alle ore 21,30 la giornata sarà conclusa dal recital dell’attrice Loredana Cannata che leggerà brani tratti dagli scritti di Maria Occhipinti.

I lavori si apriranno alle ore 15 e la chiusura è prevista per le 20. Fra gli interventi: Uccio Barone, Rosario Mangiameli e Giancarlo Poidomani dell’Università di Catania, Nunzio Lauretta dell’Università di Palermo, Natale Musarra e Pippo Gurrieri dell’Associazione culturale Sicilia Punto L., Giuseppe Cultrera per Chiaramonte, Giovanni Di Natale per Monterosso, Marcella Burderi per la Fondazione Grimaldi di Modica. Coordinano i lavori per la prima sessione Laura Barone e per la seconda Chiara Ottaviano.