Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 606
RAGUSA - 28/12/2014
Attualità - Ufficialmente al via da sabato 3 fino al 15 marzo

Saldi? Per il Codacons sono "Inutili e superati"

In base ai dati raccolti dal Codacons, infatti, l’andamento dei prossimi saldi sarà ancora una volta negativo, con vendite che subiranno una riduzione media del -12% rispetto al precedente anno, e una spesa che non supererà quota 140 euro a famiglia Foto Corrierediragusa.it

Sabato 3 iniziano i saldi ma per il Codacons è una "misura inutile, che non influirà in alcun modo sugli acquisti dei siciliani per gli sconti di fine stagione". L´associazione dei consumatori fornisce le previsioni ufficiali sull´andamento delle vendite nel periodo di sconti: "Le famiglie arrivano all’avvio degli sconti di fine stagione col portafogli già svuotato dalle spese per le feste natalizie e di fine anno – spiega Francesco Tanasi Segretario Nazionale Codacons – Anticipare di qualche giorno i saldi non influirà sulla capacità di spesa dei cittadini, il cui budget da dedicare agli sconti stagionali è sempre più risicato».

In base ai dati raccolti dal Codacons, infatti, l’andamento dei prossimi saldi sarà ancora una volta negativo, con vendite che subiranno una riduzione media del - 12% rispetto al precedente anno, e una spesa che non supererà quota 140 euro a famiglia. Allo stato attuale – spiega l’associazione – solo il 30% delle famiglie siciliane prevede di fare qualche acquisto durante i saldi, mentre numerosi sono i negozi che già in questi giorni hanno avviato saldi mascherati, attraverso l´invio di messaggi e mail ai consumatori con promozioni personalizzate e sconti praticati direttamente alla clientela in fase di acquisto negli esercizi.

La posizione della ConfCommercio Ragusa
Il direttore della Confcommercio di Ragusa, Emanuele Brugaletta ha comunicato che è stato diffuso il decreto sottoscritto dall´assessore regionale per le Attività produttive, Linda Vancheri. Secondo le stime dell´ufficio Studi Confcommercio, ogni famiglia spenderà circa 300 euro per l´acquisto di capi d´abbigliamento ed accessori per un valore complessivo di 4,9 miliardi di euro, sul territorio nazionale, pari al 21% del fatturato annuo del settore.

"I saldi - dice il direttore Brugaletta - rappresentano un appuntamento annuale irrinunciabile ed anche uno straordinario rito collettivo. In questo periodo, inoltre, speriamo possano rappresentare una chance per i negozianti del settore moda, dopo una stagione come quella di quest´autunno-inverno partita col freno a mano tirato, oltre che per i consumatori allo scopo di soddisfare una necessità e/o un desiderio con l´acquisto di un capo di qualità a prezzo più accessibile".

E´ anche vero, tuttavia, che promozioni di tutti i tipi sotto varie vesti sono già iniziate in tutti i negozi soprattutto per i clienti "fideizzati" che possono usufruire di una sorta di finestra privilegiata rispetto agli altri consumatori. I saldi hanno perso nel corso degli anni l´impatto che avevano anche perchè è cambiato il mondo del commercio grazie a outlet ed una liberalizzazione di fatto che ha mutato le abitudini dei consumatori.