Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 994
RAGUSA - 19/12/2014
Attualità - Ci sarà la possibilità di ospitare anche spettacoli teatrali

Sarà ristrutturato il teatro Concordia a Ragusa

Il sindaco: "Nessuno di noi ha mai pensato di abbandonare l’immobile Foto Corrierediragusa.it

L´amministrazione Piccitto fa (mezza) marcia indietro. Il teatro Concordia (foto) sarà ristrutturato e diventerà una sala pluriuso con la possibilità di ospitare anche spettacoli teatrali. L´insistenza delle opposizioni, l´indizione di un referendum hanno indotto il sindaco e l´amministrazione a rivedere la propria pozione anche perchè in seno alla maggioranza il gruppo di "Partecipiamo" con il presidente del consiglio, Giovanni Iacono, in testa si era schierato per il recupero del teatro. L´amministrazione rispetto a questo problema è sembrata ondeggiare puntando su altre soluzioni per dotare la città di uno spazio teatrale ed ora è convinta ad andare avanti anche se il sindaco Piccitto si è affrettato a dire che "Nessuno di noi ha mai pensato di abbandonare l´immobile, ma abbiamo rilevato le criticità rispetto al progetto faraonico che comunque non avrebbe mai offerto un teatro vero e proprio per Ragusa. Ed allora vale la pena comunque di ristrutturare ma può essere più un teatrino, una sala pluriuso, ma non certo il Bellini di Catania.

La cosa che teniamo a precisare che, al contrario di quanto si è detto, non c´è la copertura finanziaria dai precedenti sindaci. Con i soldi disponibili possiamo fare altro ma non quel progetto che non ha le gambe per camminare". Su questa impostazione, seppur diversa rispetto a quella originaria, non è d´accordo Sonia Migliore (Udc), che conferma il referendum popolare, chiede un teatro vero e propri, e parla di incapacità del sindaco di affrontare la questione.

Il progetto è quello commissionato allo studio Baldo ed i cui progettisti hanno già avanzato richiesta per essere pagati. Anche questo passaggio sarà risultato "convincente" al sindaco per non disperdere danaro pubblico inutilmente. Ora bisognerà trovare i soldi perchè quelli attualmente disponibili non sono sufficienti. Mancano infatti un milione 400 mila euro. Dei 7 milioni 600 mila euro originari due milioni sono stati utilizzati per l´acquisto. Cinque milioni e 300 mila euro è il costo del progetto e sono oggi disponibili 3 milioni e 800 mila, dunque mancherebbe ancora, per il progetto voluto dalla precedente amministrazione, 1 milione e 400 mila euro.