Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 963
RAGUSA - 10/12/2014
Attualità - Indetto da Cgil e Uil in tutte le realtà locali. A Ragusa corteo e comizio in piazza Cappuccini

Venerdì sciopero generale, un migliaio di adesioni

Sei pullman sono stati organizzati, provenienti dai vari comuni iblei: uno da Scicli e Modica, due da Acate e Vittoria, uno da Ispica e Pozzallo e due ancora predisposti dallo Spi Foto Corrierediragusa.it

Si prevedono un migliaio di manifestanti per sostenere lo sciopero generale di venerdì. La manifestazione interesserà tutte le categorie del lavoro e tutti i luoghi di lavoro. A Ragusa è stato organizzata una manifestazione che prevede alle ore 9.00 un concentramento in Piazza Vann’Anto e quindi un corteo che si snoderà per Via Virgilio, Via Dante, Piazza Gramsci, Viale Tenente Lena, Piazza Libertà, Via Roma, Corso Italia, Via Mariannina Coffa, Ponte Vecchio e quindi Piazza Cappuccini dove si terrà il comizio. Interverranno Giorgio Bandiera segretario provinciale UIL, Giovanni Avola, segretario generale della Cgil di Ragusa. Le conclusioni saranno tratte da Saverio Piccione, segretario regionale della Cgil Sicilia.

«Le politiche economiche e quelle del lavoro hanno peggiorato le condizioni di vita di milioni di persone, indebolito i nostri sistemi di protezione sociale, commentano Giovanni Avola e Giorgio Bandiera, e ridotto le tutele per chi è più colpito dalla crisi. Politiche quelle del governo, che non hanno avuto alcun effetto espansivo. Dobbiamo con forza riaffermare l’utilità sociale dei patronati dando valore al loro lavoro di tutela evitando i tagli previsti al fondo per i patronati. Sei pullman sono stati organizzati, provenienti dai vari comuni iblei: uno da Scicli e Modica, due da Acate e Vittoria, uno da Ispica e Pozzallo e due ancora predisposti dallo Spi. Molti quelli che raggiungeranno Ragusa con mezzi propri.