Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 853
RAGUSA - 02/12/2014
Attualità - Dopo la richiesta del comune per timore di speculazioni edilizie

Stoppata messa all´asta scalo merci Ragusa da Rfi

Ora il Comune dovrà occuparsi del reperimento delle risorse finanziarie per l’acquisto del sito Foto Corrierediragusa.it

Rete ferroviaria italiana ha chiuso l´asta di pubblico incanto aperta un mese fa, con la messa in vendita dello scalo merci di Ragusa. Il provvedimento di Rfi è stato comunicato dalla Società ferroviaria al Comune di Ragusa. L´ente di corso Italia, quindici giorni fa, aveva sollecitato Rfi a sospendere l´asta, avendo manifestato il proprio interesse ad acquisire il sito ferroviario che è stato chiuso nel 2008. L´istanza del Comune è stata accolta da Rete ferroviaria che ha dovuto accettare la proposta dell´amministrazione locale, la quale può esercitare, tra l´altro, un diritto di prelazione sull´acquisto dell´area. "Il Comune ha manifestato il proprio interesse relativamente all´acquisto dello scalo merci di Ragusa e per questa ragione ha chiesto la sospensione della messa in vendita dell´area - spiega l´assessore ai Lavori pubblici e alle Infrastrutture, Salvatore Corallo, richiesta che è stata accolta da Rete ferroviaria italiana. Abbiamo interesse ad acquisire un´area così centrale e urbanisticamente strategica nel capoluogo". Con la revoca del provvedimento da parte di Rfi, dunque, si elimina il rischio di speculazioni edilizie che avrebbero potuto emergere con l´acquisizione dell´area da parte di privati. I rappresentanti della Cub Trasporti, nei giorni scorsi, avevano infatti sollecitato il Comune a dichiarare interesse per l´acquisto dello scalo merci ed evitare che potesse concretizzarsi l´ipotesi di speculazione edilizia. Ora il Comune dovrà occuparsi del reperimento delle risorse finanziarie per l´acquisto del sito.

"Questo è un problema che andremo a risolvere con le risorse del bilancio 2015 - dice l´assessore comunale alle Infrastrutture - o, se necessario, in ultima ratio, accendendo un mutuo: ipotesi questa che, ritengo, non sarà necessaria".Se tutto procede secondo le previsioni il Comune acquisirà l´area e, molto probabilmente, ne ricaverà uno spazio che potrà essere destinato a terminal per gli autobus e area a verde.