Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 734
RAGUSA - 29/11/2014
Attualità - Iniziativa dei consiglieri Maurizio Tumino e Giuseppe Lo Destro

Ben 200 mila euro per riparare il fognolo di viale del Fante

Sulla vicenda si era di recente registrato l’intervento di Fratelli d’Italia Foto Corrierediragusa.it

I consiglieri Maurizio Tumino e Giuseppe Lo Destro (foto), in sede di approvazione dell’adeguamento del programma triennale delle opere pubbliche, 2014-2016, proposto dalla giunta municipale al Consiglio Comunale, hanno predisposto un emendamento per 200 mila euro per eliminare una delle "ferite" che deturpano, ormai da anni, la città: c’è difatti finalmente la possibilità di provvedere alla messa in sicurezza del canale sotterraneo, sottostante alla parte finale di viale del Fante, il famoso fognolo, per far sì che possano essere restituiti, alla pubblica fruizione, il marciapiede del palazzo della ex Provincia e la parte della carreggiata ancora transennata che limita il parcheggio e la parte destinata al transito delle autovetture.

La proposta di emendamento ha riscosso la condivisione dei colleghi dell’opposizione Migliore e Mirabella, e dei consiglieri della maggioranza Castro, Stevanato e Gulino. "L’amministrazione e la maggioranza hanno avuto modo di apprezzare - scrivono i due consiglieri - che la nostra attività politica è esclusivamente legata all’interesse dei cittadini e alle esigenze della comunità. Ci asteniamo, quindi, dal riprendere qualsiasi tipo di polemica perché riteniamo che questa sia la strada per intraprendere un cammino produttivo verso la crescita e lo sviluppo della città che passa, inesorabilmente, attraverso momenti di maturità politica - concludono - e di regolarità amministrativa".

Sulla vicenda si era di recente registrato l´intervento di Fratelli d´Italia con una nota a firma di Alessandro Sittinieri e Sergio Arezzo. "Da oltre quattro anni - si legge - la zona è totalmente sottratta alla fruizione dei cittadini che non possono più camminare sul marciapiedi e sono, quindi, costretti a transitare sulla sede stradale, con conseguente pericolo per la loro incolumità".