Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 683
RAGUSA - 12/11/2014
Attualità - Il lodevole gesto d’altruismo dei familiari

Muore una 48enne a Ragusa, espiantati gli organi

Altre persone potranno avere una vita migliore Foto Corrierediragusa.it

Grande gesto di umanità e altruismo da parte di una famiglia ragusana, che, dopo la constatazione di morte cerebrale ella consgiunta, hanno acconsentito alla donazione degli organi: la 48enne B.B. consentirà così ad altri di vivere una vita migliore. L’Asp 7 di Ragusa si è immediatamente attivata, contattando il Centro Regionale Trapianti per ricercare i potenziali beneficiari del lodevole gesto. L’equipe dell’Ismett di Palermo si è presentata per le operazioni di espianto. L’equipe aziendale composta dal dr. Giuseppe Iuvara, medico legale, dr. Luigi Rabito, direttore del Servizio di Anestesia e Rianimazione e dal dr. Emanuele Caggia, neurologo, ha effettuato l’accertamento di morte.

Hanno collaborato il dr. Adriano Denicola, per il mantenimento in vita della donatrice, ed il dr. Salvatore Tumino, per le attività connesse alla sala operatoria, durante l’espianto degli organi. Sono stati espiantati il fegato e il polmone avviati all’Ismett di Palermo; due reni, inviati uno al Policlinico di Catania, l’altro all’Ospedale Civico di Palermo. Espiantate pure le cornee per ultime, dal dr. Alessandro Legname e destinate alla Banca delle cornee di Mestre.

Questo il commento del direttore generale Asp Maurizio Aricò, «Esprimo tutta la mia solidarietà alla famiglia della donna deceduta tragicamente. Ringrazio tutta l’equipe aziendale e l’Ismett di Palermo per l’impegno e la professionalità garantite in questa tragica circostanza. Spero - ha concluso Aricò - che il loro sforzo possa garantire il recupero di una buona qualità di vita ad altre persone gravemente malate.»