Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 440
RAGUSA - 11/11/2014
Attualità - La campagna promossa dall’Azienda sanitaria di Ragusa

Vaccino antinfluenzale disponibile nei comuni iblei

I vaccini consegnati ai Medici di famiglia, i quali successivamente organizzeranno la somministrazione gratuita Foto Corrierediragusa.it

E’ già partita in tutti i comuni iblei la campagna stagionale di vaccinazione contro l’influenza. Sono stati già distribuiti i vaccini ai Medici di famiglia, i quali successivamente organizzeranno la somministrazione gratuita nei loro ambulatori. Come ogni anno, l’ Asp di Ragusa offrirà oltre la vaccinazione antinfluenzale anche la vaccinazione antipneumococcica a tutti i soggetti che, a causa del proprio stato di salute, si trovano in condizioni di maggior rischio. Si tratta delle persone con più di 65 anni di età, dei soggetti che soffrono di malattie croniche che, in caso di influenza, possono sviluppare gravi complicazioni come malattie dell’apparato respiratorio e cardio-circolatorio, diabete e insufficienza renale cronica. Sono considerate a rischio, inoltre, donne al 3° trimestre di gravidanza, soggetti ricoverati in strutture per lungodegenti e gli addetti a servizi pubblici essenziali: medici e personale sanitario, forze di polizia, vigili del fuoco, personale (veterinari e allevatori) a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione. I Medici di Medicina Generale e gli Uffici Igiene dell’Asp sono pronti a vaccinare tutti i soggetti a rischio. Gli uffici saranno aperti dal lunedì al venerdì mattino 8,30-12,30; martedì e giovedì pomeriggio dalle 15 -17.

Oltre alla vaccinazione (utile nei soggetti a rischio) è opportuno adottare anche alcune misure efficaci per prevenire le infezioni respiratorie: lavare frequentemente le mani, coprire bocca e naso (non con la mano) quando si starnutisce e tossisce, rimanere a casa i primi giorni in caso di malattia respiratoria febbrile. Inoltre è opportuno evitare il super lavoro e non privarsi del sonno, mangiare in modo sano e regolare (abbondando con frutta e verdura) e praticare attività fisica costante.