Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 909
RAGUSA - 29/10/2014
Attualità - Ufficiale e definitiva l’iscrizione al registro nazionale della Cinofilia Italiana

Il cane di mannara promosso a razza autentica!

Niente più discriminazioni per uno degli esemplari più autentici del mondo canino siciliano Foto Corrierediragusa.it

Il cane di mannara è stato promosso a razza. Niente più discriminazioni per uno degli esemplari più autentici del mondo canino siciliano. La definitiva iscrizione al registro nazionale della Cinofilia Italiana (Enci) è ufficiale avendo l´ente "preso atto del favorevole parere espresso dalla Commissione Tecnica Centrale sulla base dei risultati scientifici prodotti dagli studi condotti dal gruppo di lavoro coordinato da Luigi Liotta del Dipartimento di Scienze Veterinarie dell’Università di Messina" . Il cane di mannara è stato anche iscritto come "mastino siciliano". E´ un’investitura con tutti i sentimenti visto che l´Rsa è un Registro del Libro genealogico del cane di razza approvato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e dedicato alla iscrizione di animali appartenenti a popolazioni tipiche italiane in fase di recupero come razze. Non è stata comunque una strada nè breve né facile. La definitiva iscrizione al Rsa nasce anche dall’esito del primo raduno di aspiranti cani di Mannara tenutosi nel corso dell’esposizione nazionale canina di Enna nello scorso maggio.

Nel corso del raduno ben 27 esemplari su 35 sono stati giudicati "morfologicamente rispondenti e identificati come capostipiti. Il cane di mannara viene dunque riconosciuto come cane da pastore o di mandrie, alla stregua di un pastore tedesco, scozzese o maremmano. L´immagine del cane di mannara è strettamente legata al vissuto siciliano e la definizione "cane di mannara" nel linguaggio corrente è stata acquisita nei decenni dalla stessa lingua e nel dialetto visto che è venuta ad indicare una persona invadente, grossolana opposta ai buoni modi del vivere borghese. C´è anche il rovescio della medaglia perchè nella visione dei "buonisti" e presumibilmente degli estimatori del cane di mannara questi viene inteso come complimento per definire una persona insofferente alle regole, restio ad aggregarsi e che di contro rappresenta una sicurezza e che dà piena affidabilità.