Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 886
RAGUSA - 19/10/2014
Attualità - Iniziativa presentata dal prefetto

Numero verde contro spaccio di droga e bullismo

Una linea telefonica dedicata sarà attiva a breve Foto Corrierediragusa.it

Una linea telefonica dedicata per segnalare episodi di spaccio e di bullismo a scuola. Sarà istituita presso la centrale operativa della Questura e ad essa, con la massima discrezione, si potranno riferire quanti hanno qualcosa da segnalare. L’iniziativa prevede inoltre il coinvolgimento delle associazioni del volontariato perchè con il proprio contributo e attraverso la loro rete sia garantita una capillare diffusione dell’utilizzo di messaggi e dei mezzi di comunicazione ed interazione sociale maggiormente frequentati dai giovani (Internet, con particolare riferimento ai social network ed ai siti web). Il progetto è stato presentato dal Prefetto Annunziato Vardè al Palazzo del Governo in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che ha trattato le problematiche attinenti lo spaccio di sostanze stupefacenti ed il bullismo negli istituti scolastici, in relazione alla recente direttiva del Ministro dell’Interno.

Presenti tra gli altri i vertici Provinciali delle Forze dell’Ordine, l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Ragusa, i rappresentanti del Libero Consorzio Comunale di Ragusa e dell’Ufficio Scolastico Provinciale, il responsabile dei Servizi per le Tossicodipendenze dell’Azienda Sanitaria Provinciale e i Dirigenti delle Direzioni Didattiche, degli Istituti comprensivi e di I e II grado della provincia. E´ stato fatto il punto sulla attuale diffusione dei fenomeni nelle scuole della provincia e sono state esaminate le possibili strategie di contrasto da attuare al fine di imprimere nuovo slancio ed una comune mobilitazione che, sinergicamente, coinvolga le famiglie, il mondo della scuola, le Istituzioni, le Forze di Polizia, l’associazionismo i mezzi di informazione.