Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:43 - Lettori online 1174
RAGUSA - 08/10/2014
Attualità - Vicepresidente è stato eletto Francesco Bocchieri

Cesare Borrometi alla guida del consorzio universitario

Le nomine sono state varate dal Consiglio di Amministrazione che ha nominato anche Laura Battaglia, Fulvio Manno e Carmelo Arezzo Foto Corrierediragusa.it

L´avvocato penalista Cesare Borrometi (foto) è il nuovo presidente del Consorzio Universitario ibleo, mentre vicepresidente è stato eletto Francesco Bocchieri. Le nomine sono state varate dal Consiglio di Amministrazione che ha nominato anche Laura Battaglia, Fulvio Manno e Carmelo Arezzo. Cesare Borrometi succede a Enzo di Raimondo, che si era dimesso, lasciando poi il posto a Gianni Battaglia. Il sindaco Federico Piccitto si è augurato che l´elezione del nuovo Cda porti "al superamento della fase di stallo in cui da mesi si trova l’ente. Auspico - ha detto Piccitto- che la piena operatività del Consorzio possa andare nella direzione di un potenziamento economico-finanziario attraverso il coinvolgimento di nuovi soci e, di conseguenza, di un rafforzamento dell’offerta formativa per il prossimo futuro".

L´amministrazione comunale dal suo canto è rimasta da sola nel sostenere il Cui ed ha stanziato all´inizio del mese 200mila euro che si aggiungono ai 400 mila euro già precedentemente impegnati per garantire la funzionalità del Consorzio. Il Comune è socio fondatore dal 1994 insieme alla Provincia regionale e alla Libera Università degli Iblei per il sostegno e lo sviluppo degli studi universitari. Lo statuto stabilisce che il Comune di Ragusa contribuisce alle entrate del Consorzio con un contributo annuale non inferiore, per ciascun anno, al proprio apporto di partecipazione al capitale consortile. La Provincia, nonostante sia socio fondatore, ha deciso di uscire dal consorzio a partire dal mese prossimo.