Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 1017
RAGUSA - 28/09/2014
Attualità - Una nuova risorsa solidale voluta dalla Caritas

Ristoro S. Francesco come oasi per i nuovi poveri a Ragusa

Il "Ristoro S. Francesco" non è solo una mensa che provvederà pasti all’interno dei locali messi a disposizione dalle suore ma offrirà anche la possibilità di consegnare pasti direttamente a casa Foto Corrierediragusa.it

Una nuova risorsa per far fronte all´emergenza povertà. E´ il "Ristoro S. Francesco" presso le suore cappuccine di via Odierna inaugurato dal Vescovo Mons. Paolo Urso (nella foto col questore Giuseppe Gammino). Come sottolineato dal vescovo " si tratta di "una realtà che nasce da una volontà di amore che va al di là delle persone che assistiamo e da coloro che, volontariamente, presteranno la loro opera in questa sede. Vogliamo, infatti, fare crescere la solidarietà verso chi non ha di che vivere. Il nostro è un segno perché possa crescere la nostra capacità di vedere nel prossimo un fratello". La struttura si aggiunge alla rete di solidarietà della Caritas in città e fa fronte ad una domanda di solidarietà diffusa perchè originata dalla pesante crisi economica che molte famiglie vivono. "Questo - aggiunge Domenico Leggio, direttore della Caritas diocesana - è un momento importante per la città di Ragusa che aggiunge un ulteriore servizio nuovo ed intelligente rispetto alla carità che ci interpella. Il nostro impegno è un segno che ci auguriamo abbia il potere di farci individuare percorsi nuovi e di concreta speranza per tante persone".

Il "Ristoro S. Francesco" non è infatti solo una mensa che provvederà pasti all´interno dei locali messi a disposizione dalle suore ma offrirà anche la possibilità di consegnare pasti direttamente a casa delle famiglie che ne faranno richiesta. Dice il direttore della Caritas diocesana Domenico Leggio: ""Sarà un servizio utile per anziani soli, disabili, famiglie in condizioni di recente povertà, bambini, che avranno la possibilità consumare il pasto nel proprio contesto di vita, rispettando la privacy ed evitando l´imbarazzo che potrebbe generare l´istituzionalizzazione del servizio. È per questa ragione che abbiamo limitato il numero dei posti a sedere presso questa sede di via Odierna".

Il punto di ristoro può accogliere quaranta persone e sarà avviato per tre giorni alla settimana. Trenta volontari hanno già dato la loro disponibilità e sulla base di queste risorse la Caritas stilerà un calendario preciso per la fruizione dei pasti. Importante il ruolo delle suore che hanno messo a disposizione i locali aprendo gli spazi del convento. Tra le donazioni che hanno consentito di aprire il centro anche quelle messa a disposizione dalla Questura di ragusa che ha offerto il ricavato di un concerto.