Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 1445
RAGUSA - 10/09/2014
Attualità - Nonostante il Giudice del Lavoro avesse riconosciuto la loro assunzione a tempo indeterminato

Consorzio Bonifica di Ragusa licenzia 12 lavoratori

Solidarietà della segreteria Conf.Lavoratori che ha annunciato tutte le azioni necessarie per sostenere i lavoratori Foto Corrierediragusa.it

Dodici lavoratori avventizi sono stati licenziati dal Consorzio di Bonifica N° 8 di Ragusa. La notifica del provvedimento è arrivata come un fulmine a ciel sereno anche perchè i 12 lavoratori interessati avessero avuto sentenze favorevoli emesse dal Giudice del Lavoro per il riconoscimento della loro assunzione a tempo indeterminato.

Non è stato invece così come si legge nella comunicazione firmata dal commissario straordinario del Consorzio di Bonifica: "Essendosi concluso negativamente il tentativo di conciliazione avanti la Commissione Provinciale presso la D.T.L. di Ragusa, con la presente si comunica la risoluzione del rapporto di lavoro per giustificato motivo oggettivo, non potendo questo Ente sostenere il gravoso onere economico discendente dal rapporto di lavoro in questione, in mancanza di intervento regionale". Il Consorzio non ha infatti risorse perchè la Regione non trasferisce fondi e da ciò scaturisce la decisione che sicuramente innescherà u contenzioso senza fine anche alla luce della senteenza favorevole del giudice che, secondo i legali dei lavoratori, blinda la loro posizione.

La segreteria provinciale di Conf.Lavoratori ha espresso solidarietà ai lavoratori ed ha annunciato che intraprenderà, nei prossimi giorni, tutte le azioni necessarie, si legge in un comunicato, "per sostenere i lavoratori in questa vicenda che, tra l´altro, fa seguito alle diverse segnalazioni pervenute circa i ritardi nei pagamenti degli operai e impiegati a tempo indeterminato. Un ulteriore segnale che lo stato di salute dell´Ente è precario e urge affrontare in maniera seria e concreta i problemi, onde evitare un ulteriore aggravamento della situazione".