Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 987
RAGUSA - 27/08/2014
Attualità - Riunione del Comitato ristretto presieduto a palazzo dell’Aquila dal sindaco Piccitto

Raddoppio Ragusa-Catania nel decreto Sblocca Italia

Manca ancora la firma della convenzione che darà il via al progetto esecutivo dell’opera Foto Corrierediragusa.it

Il raddoppio della Ragusa-Catania è stato inserito nel Decreto "Sblocca Italia" ma la firma della convenzione non c´è ancora. Soddisfazione da un lato e delusione dall´altro per il Comitato ristretto della Rg-Ct che s si è riunito a palazzo dell´Aquila. Dice il sindaco Federico Piccitto: «Abbiamo appreso con favore dell’inserimento del progetto nel decreto del Governo denominato « Sblocca Italia» divenuto possibile per gli atti propedeutici già consumati nel lungo iter preliminare di cui – quale ultimo in ordine di tempo l’aggiudicazione definitiva a favore dell’ ATI Silec SpA, Mec SpA, Egis Project S.A., Tecnis SpA lo scorso 30 aprile.

Con la costituzione della società di progetto del raggruppamento delle imprese avvenuta nel mese di luglio a Roma e la definitiva conclusione delle procedure di verifiche dell’aggiudicatario presso il Ministero delle Infrastrutture, si può finalmente giungere alla firma dell’atto di convenzione senza ulteriori ritardi ed intoppi". Solo dopola formalizzazione della convenzione si potrà procedere alla redazione del progetto esecutivo. Si prevede la realizzazione dell´ opera con un progetto di Finanza che comporta una spesa di 899 milioni di euro. Di questi solo 366 sono a carico di enti pubblici, il resto lo metteranno i privati.


ahahahah
29/08/2014 | 13.09.26
franco

e la barzelletta continua.....strano che qualche grande onorevole della provincia non si sia preso il merito di questa barzelletta.....forse nel 2070 quando ci sarà la posa della prima pietra ci crederà qualcuno.......