Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 823
RAGUSA - 13/08/2014
Attualità - Posteggiatori abusivi, imbarcazioni che sfrecciano, assenza di controlli

Bisogna mettere ordine a Randello

Evidenziato uno stato di anarchia per quanto riguarda i servizi Foto Corrierediragusa.it

A Randello bisogna mettere ordine. Posteggiatori abusivi, imbarcazioni che sfrecciano, assenza di controlli. I volontari di Fare Verde Vittoria denunciano lo stato di abbandono della spiaggia che nel corso dell´estate ha vissuto momenti di tensione per la vicenda legata all´installazione di chalet sull´arenile. L´associazione denuncia uno stato di anarchia per quanto riguarda i servizi, il proliferare di sacchetti di immondizia ed ultimamente la presenza di parcheggiatori abusivi che al costo di un euro assicurano la vigilanza sulle macchine parcheggiate nei pressi della pineta e del parco forestale. Fare Verde denuncia: "Ci pare chiaro, da un primo approccio avuto con uno di questi ragazzi, che si tratta di un giro più grosso di quanto possa sembrare. Pagamento del parcheggio a parte,sembra di trovarsi davanti ad un vero e proprio sfruttamento di minori da parte di stranieri adulti. Sollecitiamo quindi le istituzioni e le forze dell´ordine a vigilare ed intervenire per ristabilire un minimo di legalità". Altro questione irrisolta è la presenza di decine di imbarcazioni a motore che solcano il mare incuranti dei bagnanti. Nulli o quasi i controlli. Un mezzo della Guardia costiera è intervenuto nella giornata di domenica solo dopo decine di telefonate.

L´appello di Fare Verde è rivolto al sindaco ed alle Forze dell´ordine: "Chiediamo al sindaco Federico Piccitto, alle forze dell´ordine competenti su quel territorio ed alla Guardia Costiera competente riguardo la sicurezza in mare, di far rispettare la legalità e la libertà di centinaia di bagnanti, che vorrebbero godersi qualche ora, in quello che fino allo scorso anno era un luogo di pace, oggi trasformato in un luogo surreale. terra di nessuno".