Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 507
RAGUSA - 12/08/2014
Attualità - Agraria, Lingue ed Ingegneria industriale in cima alle preferenze

Ecco quali sono le facoltà al top scelte dalle matricole

In fondo alla classifica Architettura e Ingegneria edile Foto Corrierediragusa.it

Agraria, Lingue ed Ingegneria industriale sono le facoltà al top nelle scelte delle matricole. Sale anche Chimica e Ingegneria dell´Informazione, giù Economia e Giurisprudenza. Sono dati certificati dal Consiglio Universitario nazionale (Cun) per l´anno accademico 2013-2014 su una platea di 266.447 immatricolati. Da questi numeri emerge anche che le iscrizioni ai corsi universitari in Italia diminuiscono del 13 per cento. Sempre meno giovani optano per una facoltà perchè credono che una laurea non sia più una garanzia per un lavoro sicuro. Le famiglie dal canto loro, specie al Sud, non spingono perchè i loro figli si iscrivano all´Università per gli alti costi di mantenimento e di iscrizione. Questa calo si evidenzia ancora di più al sud dove si registra un -20 per cento di iscrizioni, oltre quattro volte rispetto al Nord. Per quanto riguarda le scelte della facoltà il settore scientifico tira sempre di più seguito da quello economico sociale. In costante calo il settore umanistico con Lettere e Filosofia. Scienze Agrarie è la facoltà più gettonata con un aumento del 72 per ceto di iscrizioni, seguita da Fisica, Ingegneria dell´Informazione e Lingue. Balzo in avanti anche per Scienze motorie.

In fondo alla classifica Architettura e Ingegneria edile che scontano le iscrizioni a numero chiuso e la crisi del settore lavorativo. A sorpresa c´è un calo di Giurisprudenza, -23 per cento, di Scienze della Comunicazione, -25 per cento. Secondo alcuni analisti di settore la crisi ha minato la fiducia in percorsi una volta "inattaccabili" e ritenuti sicuri, come nel caso di Medicina -7 per cento.